Select Page

I 6, anzi 7 posti dove mangiare bene e tipico nel centro di Madrid

I 6, anzi 7 posti dove mangiare bene e tipico nel centro di Madrid




Dopo aver parlato delle 5+2 cose da fare nella capitale spagnola adesso voglio condividere con voi i 6, 7 posti dove mangiare bene e tipico a Madrid. Escludo dalla lista quelli turistici perché sono più cari e la qualità non è sempre delle migliori: vi parlo invece di ristoranti in cui sono andato assieme ad amici madrileni che ci erano stati già diverse volte.

Premessa d’obbligo: la cucina spagnola è forse la più simile a quella italiana ed offre vari piatti tipici conosciuti in tutto il mondo come ad esempio la paella oppure il pulpo a la gallega. Difatti ho pranzato e cenato sempre benissimo soprattutto tapeando, ossia assaggiando diversi piatti: però, a differenza dell’Italia, in Spagna non è molto comune preparare delle portate abbondanti (almeno come quelle a cui sono abituato!), si preferisce invece ordinare delle razioni medie oppure intere da condividere in tavola con gli altri. A Madrid vale lo stesso discorso e mi raccomando, non pensate di venire qui per mangiare la migliore paella: sebbene sia un piatto tipico spagnolo è meglio ordinarla a Barcellona o Valencia.

A Madrid si può mangiare di tutto ed a qualsiasi ora: mediamente gli spagnoli pranzano come minimo a partire dalle 14 e cenano non prima delle 21. Inutile dire che i ristoranti per i turisti servono pasti a tutti gli orari possibili ed immaginabili per cui, se fosse, niente paura!

Per quanto riguarda i prezzi ce ne sono per tutte le tasche: i ristoranti che ho provato, ad eccezione del 100 montaditos e del Chiosco all’interno del parco del Retiro, li collocherei nella fascia media con una spesa attorno ai 15-22€ a persona.

Ecco allora la mia lista con i 7 posti dove mangiare a Madrid, aggiornata a maggio 2016:

 

I 7 posti dove mangiare a Madrid: “100 montaditos”

Famosa catena spagnola che gradualmente si sta espandendo anche oltre i confini nazionali (ad esempio in Italia) e che propone 100 montaditos differenti, ossia un centinaio di paninetti assortiti con prodotti salati e dolci.

I prezzi sono bassissimi, con costi che oscillano da 1-3€ per panini, insalate o piatti da condividere come patatine fritte oppure salsicce. Le bevande non sono da meno, ad esempio si può ordinare mezzo litro di birra (una jarra), a 1,5€! Questo è possibile poiché non c’è il servizio in sala: infatti dovete scrivere sul foglietto delle ordinazioni che trovate sui tavoli i numeri identificativi dei panini e lasciare quindi il vostro nome al momento del pagamento. Successivamente prestate attenzione perché una voce al microfono vi chiamerà e dovrete andare a ritirare il vassoio con il cibo.

Inoltre, ogni mercoledì e domenica tutti i panini costano 1€ mentre di lunedì addirittura 50 centesimi. Ci sono diversi 100 montaditos sparsi per Madrid, soprattutto nei luoghi più turistici come la Gran Vía, vicino al Reina Sofía e nei pressi di Plaza Mayor.

Spesa media a persona: 5-8€

6 posti dove mangiare a Madrid: 100 montaditos

 

I 7 posti dove mangiare a Madrid: “La Campana”

In Calle Botoneras 6, una piccola strada che sbuca in Plaza Mayor, si trova questo locale tipico spagnolo dove il sabato e soprattutto la domenica mi recavo per mangiare il famoso bocadillo de calamares. A voi la scelta, potete gustarvelo al tavolo o al bancone, oppure ordinarlo e portarlo via (para llevar) e divorarvelo magari proprio nella vicina piazza.

Se decidete di restare, sappiate che non è previsto il servizio al tavolo: chiedete quello che volete, pagate direttamente al banco ed aspettate lì la roba. Il bocadillo, delizioso e che da solo quasi equivale ad un pranzo completo, costa 2,70€ e va accompagnato con una caña de cerveza oppure un tinto de verano: in alternativa potete gustare una bella razione di patatas bravas oppure altri panini con jamón iberico e salame. Nonostante non sia un ristorante di chissà quale raffinatezza vi assicuro che la qualità del cibo è alta ed è questo quello che conta alla fine, no?! 😉

Se vi recate qui a partire dalle 13:30-14 dei giorni festivi la coda per entrare è assicurata poiché è l’orario di punta per i madrileni che di mangiare prima proprio non ne vogliono sapere: il mio consiglio perciò è di andarci da mezzogiorno in poi per gustarvi il vostro panino con calamari fritti in santa pace!

Spesa media a persona: 5-9€

6 posti dove mangiare a Madrid: La Campana

 

I 7 posti dove mangiare a Madrid: chioschi del Parque del Retiro

Il polmone verde di Madrid ospita diversi chioschi dove fare uno spuntino circondati dalla natura e con vista magari sull’Estanque. Io andavo sempre in quello che si affaccia su Paseo del Uruguay che conduce alla piazza dove si trova la fontana dedicata al diavolo (Fuente del Ángel Caído).

Il mio pranzo consisteva in una razione di olive, un piatto di tortilla de patatas da condividere ed una brocca di tinto de verano. Il cibo non è male ed è il posto dove ho bevuto uno dei migliori tinto. L’ambiente, come al 100 montaditos, è informale ma ideale per rilassarsi abbandonando per un po’ il caos della città.
Spesa media a persona: 5-7€

6 posti dove mangiare a Madrid: i chioschi del Retiro

 

I 7 posti dove mangiare a Madrid: “Orio Gastronomía Vasca”

Situato in Calle Fuencarral 49, Orio propone piatti tipici della cucina basca, generalmente riconosciuta come una delle migliori di Spagna. Sebbene ci sia il menù alla carta, il locale è celebre per i pinchos, fette di pane ricoperte di ingredienti vari come salmone, prosciutto, insalata russa, carne e così via. Ognuno è tenuto assieme da uno stuzzicadente ed alla fine per fare il conto il personale conta quanti ce ne sono in ogni piatto.

Si può scegliere tra i vari pinchos proposti nelle vetrine adiacenti il bancone oppure, se ne desiderate di caldi ad esempio con la carne, non dovete far altro che aspettare che il cameriere passi tra i tavoli con il vassoio. Piccolo appunto sui tavoli: non ne troverete uno apposta per due persone, infatti sono comuni e perciò, specie a cena nelle ore di punta, mangerete assieme ad altre due o tre persone. Non siate timidi, a tavola si socializza di più, specie con gli spagnoli.

Il prezzo medio a persona è più elevato rispetto agli altri di cui ho parlato, complice il servizio al tavolo e la posizione centrale a poche centinaia di metri dalla Gran Vía. Ci sono stato in svariate occasioni e mi sono trovato benissimo, con personale efficiente e cibo squisito.

Spesa media a persona: 12-15€

6 posti dove mangiare a Madrid: Orio Gastronomía Vasca




I 7 posti dove mangiare a Madrid: “Lateral”

Ho scoperto questo ristorante grazie ad una amica spagnola che mi ci ha portato per la prima volta nell’ottobre 2013. Si trova proprio davanti alla fermata della metropolitana Rubén Darío lungo Paseo de la Castellana n. 42, una via piuttosto lussuosa che inizia da Plaza Colón e prosegue fino a Plaza Castilla costeggiando lo stadio Bernabéu.

Ristorante più all’italiana con servizio al tavolo e menù alla carta con pinchos, carne, pesce e dessert. L’ultima volta ho ordinato una degustazione di pinchos con otto assaggi a testa, una zuppa di cipolla per mia madre e per me una razione poi condivisa di crocchette ripiene di funghi. Una menzione speciale la merita il dolce, in realtà una semplice torta al cioccolato fatta in casa con l’aggiunta di panna: definirla una cannonata è persino riduttivo, buonissima e con il cioccolato che si scioglie in bocca. Me la sono sognata molte volte fino a quando non sono tornato a Madrid e l’ho mangiata di nuovo.

L’ambiente e tutto il servizio sono curati nei minimi particolari, l’unico appunto è che suggerirei di illuminare un po’ di più le sale perché la luce è troppo soffusa e quasi non si vedono i piatti e le persone che si hanno difronte.

Spesa media a persona: 15-19€

6 posti dove mangiare a Madrid: El Lateral




I 7 posti dove mangiare a Madrid: “La Finca de Susana” 

Provato in occasione dell’ultima visita a Madrid, verso la fine di maggio 2016. In questo caso ero in compagnia della mia solita amica madrileña e con il suo migliore amico. È stato proprio lui a consigliarci di cenare in questo locale ubicato in calle del Príncipe, a pochi passi da Plaza Sol.

Il ristorante si presenta bene, con ambienti formali dalle sfumature moderniste. Nonostante ci fosse molta gente il personale ha trovato in pochi minuti un tavolo per tre persone ed il servizio è stato celere ed efficiente per tutta la serata. Per la cena abbiamo ordinato diverse pietanze da condividere, il tutto accompagnato da una bottiglia di Burgáns Albariño, vino tipico della Galizia, che ben si sposava coi sapori in tavola. Il cibo era tutto veramente ottimo, con portate giuste e piatti presentati bene. Tra le varie cose provate, consiglio vivamente di assaggiare il risotto al nero di seppia con salsa aioli, una cannonata! E per concludere, una bella fetta di torta al formaggio, specialità della Cantabria ma buonissima anche qui 🙂

Per quanto riguarda i prezzi, appena entrato e visto l’ambiente mi aspettavo una salassata. Invece, ho speso 17€ (mancia già inclusa) e per quanto (e come) mangiato è una cifra ottima.

Spesa media a persona: 17-20€ La Finca de Susana: dove mangiare bene e tipico a Madrid

I 7 posti dove mangiare a Madrid: “Punto Básico” 

Nei pressi della fermata della metropolitana Argüelles questo ristorante ubicato in Calle Marqués de Urquijo 23 presenta un arredamento semplice ed elegante ed include una zona per soli fumatori.

Dopo una tapa offerta dalla casa si possono scegliere diverse specialità, molte delle quali disponibili in razioni medie ed intere. Ho assaggiato le crocchette ripiene col sugo della coda di toro, un’autentica prelibatezza. Il piatto forte è stato però il pulpo a feira, ossia il polpo con patate al forno e paprika: da non particolare affezionato di piatti di pesce su questo mi sono dovuto assolutamente ricredere e lo consiglio a tutti. Per concludere in bellezza non poteva mancare il dolce con una bella mousse ai frutti di bosco con scaglie di biscotto.

Spesa media a persona: 20-25€

6 posti dove mangiare a Madrid: Punto Básico

Ecco i miei personali 7 posti dove mangiare a Madrid: siete già stati in qualcuno di questi e quali altri suggerireste?

Se avete più giorni a disposizione per visitare la capitale spagnola potete acquistare i vostri biglietti per le attrazioni di Madrid, i tour guidati dello stadio Bernabeu e per fare delle escursioni nei dintorni (Toledo, Las Rozas, El Escorial…) direttamente dalla sezione dedicata alla città sul sito di TicketBar. In questa maniera, oltre alla possibilità di risparmiare qualcosina, potete saltare le code in biglietteria guadagnando così tempo prezioso da dedicare alla città.

Se invece avete bisogno di una sistemazione allora vi rimando al mio articolo riguardante i 5 ostelli economici in centro Madrid.

Infine, vi segnalo che recentemente ho aperto su Facebook un gruppo dedicato alla Spagna, al suo interno troverete fotografie, articoli, esperienze e racconti di viaggio dedicati a questo magnifico paese. Ovviamente siete tutti invitati ad iscrivervi 😉

(Visited 37.139 times, 81 visits today)

Info Autore

Stefano, viaggiatore innamorato della Spagna, della Scozia e della Liguria.
Se potesse si muoverebbe soltanto in aereo, non potendo allora cerca di camminare il più possibile!

6 Comments

  1. Caro Stefano
    Sono a madrid e per una serie di coincidenze sono finito a leggere questo tuo post e mi sei stato simpatico a pelle. Dici cose che mi piacciono nel modo che piacciono a me quindi ho deciso di seguire i tuoi consigli e le tue orme. Poiché mi pare giusto ringraziarti ti scrivo in tempo reale cosi che in primis tu possa sapere che ciò che hai regalato non è andato perso e possa venirne per questo gratificato in secundis perché qualche tuo lettore possa trovare tutto questo di un qualsiasi valore e/o utilità.
    Dunque oggi 25 luglio 2017 sono a Madrid con famiglia, moglie eTre figlie sotto i 14 anni. Ci piace andare alla ventura ma anche scegliere prezzi qualità migliori possibili . Stiamo in un bell appartamento a due passi da Plaza major zona bellissima perché non di plastica ma vera vicino a stazione Tirso e Latina . Prima di leggere il tuo post la prima sera siamo finiti a calle de conchilleros che è adiacente alla Plaza major è pieno di localini interessanti. Puntavo ad andare da Botin che passa per essere il più vecchio ristorante del mondo ma mi sono spaventato dai prezzi . Moltiplicare per cinque fa male alle tasche e sono finito a Tragatapa di fronte . Locale senza pretese gestito da argentini . Mangiato tapas di mare con birra e le bimbe un hamburger . Prezzo decente (sui cinquanta globali) qualità abbastanza mediocre .
    Poi ti ho letto ed eccoci qua .
    Oggi ho pranzato alla Campana in calle de Botuneras. Devo dire che è stato straordinario . A due passi da Plaza major localino pulito con personale molto efficiente e simpatico . Boccadillo di calamari strepitoso con birra per me e mia moglie le bimbe panino con la pancetta e salsiccia e coca cola totale 23 euro
    Se qualcuno legge sappia che non può non andarci . Quindi grazie Stefano .
    Stasera siamo invece andati alla Finca de Susana in calle del principe .
    Sono molto combattuto perché il posto ha dei plus incredibili ma anche dei minus non da poco. Innanzi tutto va detto che la location è bellissima . Uno di quei posti dove senza referenze un turista non entra perché pensa che lo faranno a pezzi. Invece confermo prezzi assolutamente equilibrati se non medio bassi . Le porzioni molto abbondanti converrebbe prenderne meno e dividere . Ho preso il riso di seppia che consigliava Stefano che ho trovato buono ma non eccezionale mentre il Gaspacho veramente di alto livello. Il problema è stato il servizio che per gli standard italiani è al limite dell offensivo. Ho ordinato il riso al nero di seppia e per secondo le seppie (anch’esse buone ma non eccezionali ) ma poiché per il riso ci volevano venti minuti mi hanno portato le seppie per primo e il riso poi. A mia moglie mentre stava mangiando ancora il gaspacho hanno portato il secondo lasciandolo la sul tavolo. Se uno avesse voluto litigare era il momento ideale .
    Il conto globale è stato di 80 euro ( con bottiglia di vino e solito hamburger alle figlie) in altre parole molto decente
    Per concludere direi che è un locale molto interessante ma se uno ci va deve mettere in conto che se paga 20/25 euro a persona in un posto del genere il motivo c è .
    Ho ancora un paio di giorni di vacanza e conto di visitare qualche altro posto che tu hai suggerito
    Ciao
    O.

    Reply
    • Ciao O.

      grazie mille per aver lasciato questo commento che mi fa molto piacere!

      Su “Campana” che dire… ogni volta che vengo a Madrid ci passo almeno una volta perché un bocadillo come il loro non l’ho mai trovato da nessun’altra parte.
      Invece, per la “Finca de Susana” mi dispiace che tu sia rimasto soddisfatto soltanto parzialmente. Purtroppo credo sull’importanza del fattore fortuna, almeno sul lato umano. Sugli episodi che mi hai raccontato sono rimasto un po’ stupito, con me era filato tutto liscio e “normale”. Non vorrei che essendo voi turisti vi abbiano trattato con troppa “sufficienza”. Io ero con due amici madrileni e quindi diciamo che ero “camuffato”. Però, ribadisco, è soltanto una mia ipotesi.

      Per il resto non mi rimane che augurare a te ed alla tua famiglia un piacevole soggiorno a Madrid. Se ti va fammi sapere poi com’è andata 🙂

      Grazie ancora,

      Stefano

      Reply
  2. Allora stasera siamo stati al Lateral.
    L’unico aggettivo che mi sento di usare è “strepitoso”. Non è tanto (o solo) per la cucina ma per il pacchetto completo. Il locale non è per turisti e si sviluppa con una parte esterna paradisiaca e una interna di gran bellezza. Complice la serata estiva lunghissima c è stata tantissima luce e sembrava di stare dentro la scena di un film. Abbiamo preso le degustazioni di pitchos e come al solito alcune erano al nostro palato migliori di altre ma tutte comunque molto buone. Credo che il prossimo step sarebbe imparare cosa farci portare ma questo implica una conoscenza che solo il tempo potrebbe dare. Abbiamo preso anche la famosa torta di cioccolata di cui è ghiotto Stefano . Veramente buona lo ammetto. Solo che ne portano tanta e alla lunga stucca. Eravamo in cinque bastava ne prendessimo tre. Spesa totale 78 euro. Lateral è un locale obbligatorio per chi viene a Madrid .
    L unica jsttura e’ stata che la linea verde è chiusa per lavori di ristrutturazione e all andata abbiamo fatto una passeggiata da piazza colombo mentre al ritorno preso il bus per puerta del Sol.
    Mi permetto di segnalare un altro locale dove abbiamo pranzato oggi
    il “Makkila” in calle serrano 110. Scoperto per caso tornando indietro da un giro a Fuencarral. Il locale ci ha colpito per la luminosità e freschezza e per non essere il classico locale del centro che alla lunga paiono tutti uguali. Ho visto che su trip advisor molti lo hanno segato a noi invece è piaciuto . Forse il fatto di andare a orari “italiani ” ci ha aiutato ma siamo stati serviti velocemente e con grande amicizia. Si mangiano anche qua pintchos sia caldi che freddi . Alcuni veramente intriganti . Se volete qualcosa di diverso dagli standard classici può fare per voi. Il costo è in linea (15 euro a persona).
    Poiché la rete mi ha dato tanto e anche questo sito di Stefano mi permetto di dare qualcosa anche io Come si dice “to whom it may concern”.
    Sono solo piccoli consigli che magari a qualcuno possono essere utili.
    Madrid è una città che strega . Roma è più bella ma a parte quello Madrid è più tutto il resto. Più accogliente più amicale più facile più aperta più pulita ecc.ecc. Le cose da fare e da vedere sono quelle che vi dicono in milli siti e pure Stefano qua ha elencato . Io ne aggiungo una che non ho mai visto da nessuna parte ma che per me invece merita: la stazione di Atocha. A parte il simbolismo per gli attentati è l unica stazione dei treni al mondo che ha una immensa foresta tropicale Dentro. È bello andarci anche solo a vederla e poi farsi un giro nel grande centro commerciale.
    Infine alcuni consigli operativi che nessuno vi dice :
    – visita al Santiago Bernabeu obbligatoria . E’ favolosa!!! Fanno persino entrare in campo (mai successo in nessun altro stadio importante e credetemi li ho fatti tutti). Tuttavia è una macchina mangiasoldi studiata per spremere Fino in fondo chi ci va. E sono tanti . NON prendete la visita guidata . Io l ho fatto e sono soldi buttati (33 anziché 25) pensavo desse qualche plus in più ma in realtà in più c è solo una ragazzina che dice cose che chi ama il calcio già Sa o che può prendere da solo guardandosi intorno . NON fate le foto che vi propongono in continuazione dentro che poi diventano fotomontaggi con i campioni o le coppe. Se proprio volete farne in centro trovate negozietti che fanno le stesse cose per la metà .
    – al Prado
    L entrata gratuita è dalle 18 in avanti ma se volete entrare è bene essere lì un oretta prima . La fila la fanno fare sul marciapiede parallelo alla strada. Se arrivate come tanti solo dieci minuti prima vedrete una fila di cento metri e dopo un tot di biglietti bloccano le entrate
    – a Reina Sofia non conviene fare la fila la sera. Costa poco (10 euro) e i bimbi non pagano se uno va di giorno può gustarsi tutti i Picasso e i Dali senzs troppe persone intorno .
    – qua va per la maggiore una nuova yorgurteria Llollau che si vanta di star per aprire in Italia. C è sempre Fila notevole ovunque . L ho provato e fa onestamente cagare. Soldi e tempo sprecato
    – il Churro con il cioccolato piace molto alle mie bimbe ma secondo me mi spiace dirlo e non s offendano i madrileni è una tavanata galattica. Se volete fare un ottima colazione sotto l appartamento dove siamo noi in calle estudos all incrocio con calle duca d ‘alba c’è un locale molto carino e bello luminosa e dove si mangia bene

    Mi Sa che ho parlato troppo
    Scusate

    Grazie Stefano ancora

    Reply
    • Ciao O,

      grazie per il tuo commento.

      Tra tutti i posti elencati probabilmente il “Lateral” è quello a cui sono più affezionato perché, oltre al fatto che si mangia bene, vi è proprio una bella atmosfera e si è circondati praticamente soltanto da madrileni.

      Per il resto non posso che concordare. Forse Madrid manca di un monumento simbolo, diciamo come ad esempio la Sagrada Familia di Barcellona, ma alla fine ciò che la rende bella è l’esperienza in senso lato che si vive visitandola. Io mi sono sempre sentito al sicuro (e questo lo conferma anche chi ci vive, poi magari ci saranno delle zone – specie periferiche – dove è meglio girare con più prudenza) ed “a casa”, merito degli spagnoli con i quali io vado d’accordo fin dal primo momento. D’altro canto, l’ospitalità madrileña è ben conosciuta, è una città cosmopolita aperta a tutti.

      Per il resto non rimane che ringraziarti per le dritte che hai dato, tutte davvero ottime e dettagliate 🙂

      Stefano

      Reply
  3. Sono un patito di Madrid, che mi è quindi familiare. Ho letto le recensioni dei ristoranti, tutti conosciuti. Sono convinto che a Madrid si mangi bene dappertutto, sia cibi semplici che articolati. Le uniche esperienze negative le ho avute nei ristoranti “blasonati”, dove ad un servizio di primordine si accompagnano piatti veramente modesti e conti esagerati. Condivido il discorso sulla paella, aggiungendo però che la migliore l’ho consumata al ristorante del Corte Ingles. Il mio locale preferito è La Finca de Susana. Comodo, centrale, grande scelta, servizio efficiente.

    Reply
    • Buonasera Paolo,

      innanzitutto grazie per il commento.

      Non ho esperienze in ristoranti blasonati ma c’è da dire che Madrid – così come nel resto della Spagna – si può mangiare molto bene spendendo davvero poco!

      Sulla paella non riesco proprio a fare retromarcia, specie dopo averla mangiata a El Palmar, vicino a Valencia 😉

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Blog affiliato con l’Ente del Turismo Britannico. Scoprite tutte le offerte qui sotto.

Compra qui i biglietti e pass per visitare Madrid

Categorie

I miei prossimi viaggi

30 novembre-4 dicembre ’17: mercatini di Natale in Tirolo –> #checkinTirolo

12-18 gennaio ’18: Madrid e provincia –> #checkinMadrid

10-16 aprile ’18: Glasgow e Inverness –> #checkinScozia

17-24 maggio ’18: Bilbao e San Sebastian –> #checkinPB

13-23 giugno ’18: Fife e Edimburgo –> #checkinScozia

Entra anche tu nel gruppo Facebook dedicato alla Scozia!

  • Capodanno a Edimburgo: vista dal Dugald Stewart Monument a Calton Hill

Entra anche tu nel gruppo Facebook dedicato alla Spagna

  • Que ver en Madrid: el Templo de Debod

error: Content is protected !!