Trekking urbano alternativo e poco frequentato sulle alture di Genova: l’anello di Cassinelle e monte Teiolo da Borzoli

Rimanendo nel ponente genovese ed poche centinaia di metri in linea d’aria dal monte Gazzo e dal Santuario omonimo, vi è un’altra area da scoprire tra storia e scorci panoramici urbani.

L’escursione a Cassinelle – e da lì al Monte Teiolo – che vi propongo è una “chicca da non perdere” in quanto non è molto conosciuta, neanche tra gli stessi genovesi. Difatti, per molto tempo i tracciati sono stati lasciati in totale abbandono diventando di conseguenza poco sicuri. La situazione è cambiata di recente, grazie al grande lavoro di recupero portato avanti dall’Associazione Monte Gazzo Outdoor nel corso del 2020-2021. I suoi volontari infatti hanno ripulito e messo in sicurezza sia il sentiero che i dintorni del complesso abbaziale in rovina.

Inoltre, ne parla anche Andrea Parodi nel suo nuovo libro, “Appennino genovese. 100 escursioni sui monti di Genova e nel Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo“, proponendo il medesimo giro fatto da me.

 

 

Informazioni pratiche sul trekking urbano a Cassinelle e Monte Teiolo

Il grado di difficoltà dell’escursione è “E”, sono quindi richiesti abbigliamento ed attrezzature adeguate oltre ad un minimo allenamento a camminare su superfici diverse come ad esempio stradine, mulattiere e sentieri.

Il tempo complessivo impiegato è stato attorno alle 4-5 ore, comprensive di pausa pranzo e “soste fotografiche”.

I membri dell’associazione hanno ripristinato e migliorato la segnaletica lungo il percorso, rendendo di fatto impossibile perdersi. Il segnavia di riferimento per Cassinelle è “due linee rosse”.

Il punto di partenza è Genova Borzoli, quartiere ubicato sulle alture a cavallo tra le valli Polcevera e Chiaravagna. Esso è raggiungibile anche in treno, grazie alla stazione ferroviaria che sorge sulla linea Genova-Acqui Terme. Controllate gli orari in anticipo sul sito internet dato che, specie di domenica, vi sono poche corse.

Gita fuori porta sulle alture di Genova: anello di Cassinelle e M.te Teiolo
Panorama su Genova Sestri Ponente dal sentiero verso Cassinelle (da Borzoli)

 

 

Da Genova Borzoli a Cassinelle

Parto più o meno a metà mattinata dalla stazione, seguo Via Monte Giuseppe Saracco verso est per poi girare a sinistra in Via Monte Sleme. Giungo quindi alla Chiesa di Santo Stefano di Borzoli, citata in documenti del 1143 ma per alcuni eretta addirittura prima dell’anno Mille. Attraversata la piazza omonima proseguo sulla sinistra, in Via Rivassa, fino a raggiungere una cappelletta.

La strada asfaltata si fa via via più stretta e, passate alcune case, diventa una mulattiera. Dopo aver attraversato una passerella metallica salgo brevemente per poi superare un altro gruppo di abitazioni. Giro a destra in Vico Superiore Priano e successivamente in Via San Rocco. Continuo in salita abbandonando le ultime costruzioni per ritrovarmi nello spiazzo dove finalmente comincia il sentiero vero e proprio.

Volgendo lo sguardo a sinistra ecco il Monte Gazzo, il Santuario e le cave ben visibili. Questo panorama mi accompagnerà nella prima parte dell’itinerario.

Partenza sentiero per Abbazia di Cassinelle da Genova Borzoli
Sul sentiero verso Cassinelle ammirando il M.te Gazzo ed il Santuario omonimo

L’indicazione per Cassinelle conduce nella via che sale rapidamente tra la vegetazione fino a sbucare davanti ad un traliccio. Questo è un bivio importante, vi ritornerò infatti qualche ora dopo per chiudere l’anello. Grazie ai nuovi cartelli installati ora è impossibile sbagliarsi.

Seguo la via minore verso sinistra, addentrandomi così nella valle del Rio Chiaravagna. Cammino su pietrisco, il sentiero in certi (pochi!) punti è stretto ma comunque pulito dopo l’ottimo intervento dei volontari. Il tracciato si snoda lungo il percorso della vecchia tubazione di un acquedotto, ancora visibile in alcuni tratti.

Prima di (ri)entrare nella folta boscaglia osservo dietro di me il Monte Gazzo, i palazzi di Sestri Ponente e la pista dell’aeroporto di Genova.

Sempre in salita, supero un evidente rudere sulla destra che mi fa capire di essere quasi arrivato. Difatti, dopo neanche 10 minuti di cammino giungo al pianoro dove si trovano i ruderi dell’Abbazia di Cassinelle, a 377 m d’altezza.

Da Borzoli ho impiegato all’incirca 1h 30m.

Trekking lungo l'anello di Cassinelle e M.te Teiolo da Genova Borzoli
Sentiero verso Cassinelle – Valle Rio Chiaravagna

 

 

I ruderi dell’Abbazia di Cassinelle

Le sue origini risalgono probabilmente al 1189, quando l’arcivescovo Bonifacio concede a Raimondo, Priore di Cassinelle, il permesso di costruire qui un tempio religioso. L’edificio più grande è la Chiesa di Santa Maria del Piano, eretta nel 1308 in seguito all’insediamento dei monaci canonici regolari di Santa Croce di Mortara. Col passare del tempo e dei secoli la tenuta cambia proprietà diverse volte cadendo però sempre più in decadenza ed infine in abbandono. L’invasione della vegetazione ed il passaggio degli sciacalli di turno hanno dato il colpo di grazia definitivo.

Sentiero per i resti dell'Abbazia di Cassinelle - Chiesa di Santa Maria
Chiesa di Santa Maria – Abbazia di Cassinelle (Genova)

Il complesso serviva come “hospitale” per chi da Sestri Ponente era diretto alle Capanne di Marcarolo transitando per il valico di Lencisa per raggiungere la pianura piemontese. Ecco perché vi erano stalle, fienili e la stazione di posta.

Tra i resti che si possono ammirare oggi spiccano quelli della chiesa (scoperchiata), della cripta con i suoi 32 loculi e della torretta merlata di avvistamento. Considerate le condizioni precarie dei vari edifici suggerisco di non avvicinarsi troppo e di usare la massima cautela, a maggior ragione nelle giornate particolarmente ventose.

Cosa vedere tra i ruderi dell'Abbazia di Cassinelle e come arrivare da Genova Borzoli
Ruderi della torretta d’avvistamento a Cassinelle (GE)

 

 

Da Cassinelle al Monte Teiolo

Appena passata la torretta, al bivio si devia sulla destra. La salita procede a zig-zag ed è piuttosto intensa. Fate attenzione perché si transita su di una pista per mountain bike e per questo i ciclisti scendono a tutta velocità.. c’è comunque ampio spazio ai lati per scansarsi 😉

Uscito dal bosco, il sentiero prosegue quasi in piano tra gli arbusti e torno a vedere il mare. Sbuco al valico della Gola di Lencisetta, a 566 m di quota, un crocevia sullo spartiacque tra le valli Polcevera e Chiaravagna.

Prendo il sentiero sulla sinistra che si inerpica sul crinale fino alla scalinata che precede la Cappelletta della Madonnina del Monte Teiolo (1h circa da Cassinelle), un autentico belvedere su Genova e la costa ligure.

Per raggiungere la vera e propria cima del M.te Bric di Teiolo660 m d’altezza e distante una decina di minuti – seguo la via che sale appena dietro l’edificio. Da qui mi godo il panorama a 360°, una vista che spazia dal M.te Figogna dominato dal Santuario della Guardia ai forti della Val Polcevera ed a quelli all’interno del Parco delle Mura. Guardando oltre si riconoscono il promontorio di Portofino da una parte e la costa di ponente fino a Capo Noli dall’altra.

Cappelletta della Madonnina del M.te Teiolo - Sentiero da Genova Borzoli e Cassinelle
Cappella della Madonnina del M.te Bric di Teiolo
Cime panoramiche dell'Appenino ligure: Monte Teiolo da Genova Sestri Ponente
Vista sulla Val Polcevera dalla cima del M.te Teiolo (660 m)

 

 

Dal Monte Teiolo al Bric dei Corvi Sud e rientro a Borzoli

La bellezza del paesaggio invoglia ad una pausa più lunga ma ho ancora un po’ di strada compiere e così mi rimetto in cammino. Ritorno alla Gola di Lencisetta e tiro dritto, lasciando sulla destra la via che scende a Cassinelle.

Trekking urbano da Genova Sestri Ponente al Bric di Teiolo e dei Corvi Sud
Sul sentiero appena oltre la “Gola di Lencisetta” (566 m)

Da qui in avanti il sentiero panoramico procede in leggera salita lungo il crinale sino al Bric dei Corvi Sud, a 597 m di quota. Qui si possono ancora osservare i ruderi di numerose postazioni militari della Seconda Guerra Mondiale.

Proseguo sulla dorsale, adesso in leggera discesa, ammirando la Val Polcevera ed i dintorni di Sestri Ponente. Arrivato ad una sella pianeggiante scendo sulla destra, seguendo l’indicazione “Rock dei Corvi” fino ad un bivio. Lascio il tracciato principale per scendere a destra su di un sentiero ripido e reso piuttosto scivoloso dal pietrisco. Nel mio caso i bastoncini sono stati fondamentali per evitare diversi scivolamenti e cadute.

Resti postazioni aeree della Seconda Guerra Mondiale sul "Bric dei Corvi" - Alture di Genova Borzoli
Ruderi militari sulla cima del “Bric dei Corvi sud” – 597 m d’altezza
Vista panoramica sulla costa di Genova fino a Portofino dal monte "Bric dei Corvi Sud"
Vista panoramica scendendo lungo la dorsale del “Bric dei Corvi sud”

Dopo mezz’ora arrivo al bivio all’altezza del traliccio incontrato all’andata e chiudo così l’anello di Cassinelle. Per ritornare alla stazione FS di Borzoli seguo il medesimo percorso della mattina.

In questa sezione del blog potete scoprire altre escursioni nel comune di Genova così come ottenere informazioni su itinerari classici ed alternativi per visitare il capoluogo ligure.

 

(Visited 662 times, 1 visits today)
Compra i biglietti per visitare Madrid​
I miei prossimi viaggi

- 9-22 giugno: Oban e Fort William --> #checkinScozia (rinviato ad ottobre)

- 8-18 luglio: Ötzal, Sölden, Wilder Kaiser e St Johann --> #checkinTirolo

- 30 ottobre - 3 novembre: viaggio di gruppo in Scozia tra Edimburgo e Highlands centrali