I luoghi dei Queen e Freddie Mercury a Londra: il Dominion Theatre

Itinerario alternativo nel centro di Londra per visitare i luoghi dei Queen e di Freddie Mercury

Tante sono le cose da vedere a Londra e ce n’è davvero per tutti i gusti. Che siano tour guidati nei luoghi più famosi o in quelli (ancora) sconosciuti, oppure particolari itinerari tematici, di certo non ci si annoia! Proprio tra quest’ultimi ne ho seguito uno per me speciale che mi ha portato a conoscere i luoghi dei Queen a Londra.

La capitale inglese è stata nel secolo scorso il centro indiscusso della musica rock e per le sue vie e locali si è fatta la storia. Ed a partire dal 1970 è iniziata quella del gruppo britannico fondato da Freddie Mercury.

Questo articolo ha uno sviluppo particolare, durato circa 6 anni, perché collega due visite londinesi: la prima, nell’agosto del 2009, quando costrinsi i miei genitori ad accompagnarmi alla ricerca di alcuni dei posti che mi ero prefissato; e la seconda, nel novembre 2015, quando sono tornato in città per una fiera sul turismo e ne ho approfittato per concludere il tour. Le tappe sono suddivise secondo l’ordine cronologico, dagli anni ’70 fino ai giorni nostri, e raggiungerle è molto semplice viaggiando con la metropolitana di Londra.

Un itinerario “parallelo” ed altamente consigliato a tutti i fan è quello dei luoghi di Freddie Mercury a Montreux, la cittadina svizzera affacciata sul lago di Ginevra dove la band ha registrato 7 album nei mitici Mountain Studios e dove il cantante si è rifugiato negli ultimi mesi della malattia per sfuggire al “gossip” dei media britannici.

Questi due percorsi tematici sono consigliati sia per i fan storici che per coloro che hanno conosciuto Freddie ed i Queen grazie al film Bohemian Rhapsody“, che io personalmente ho adorato e di cui finalmente si può acquistare il DVD su Amazon.

 

1. I luoghi dei Queen e di Freddie Mercury a Londra: Earl’s Court

Situato tra i quartieri di Kensington, Hammersmith e Chelsea, l’Earl’s Court Exhibition Centre ha ospitato i concerti delle star della musica mondiale.

Per primo vi si esibì David Bowie, il 12 maggio 1973. Ai Queen toccò quattro anni più tardi, il 6 giugno 1977. Per l’occasione era prevista una data unica ma, vista la grande richiesta di biglietti, fu aggiunto un secondo concerto. Era l’anno del “A Day at the Races Tour“, di supporto all’omonimo album uscito nel 1976 e contenente brani divenuti poi celebri come “Tie your mother down” e “Somebody to love“.

Oggi l’Exhibition Centre è ancora funzionante ma in fase di restauro: infatti non ho nessuna fotografia perché l’edificio è interamente ricoperto dalle impalcature. Per arrivarci scendete alla fermata Earl’s Court (linee District e Piccadilly) ed uscite seguendo le indicazioni per Warwick Road: così facendo sbucherete proprio davanti al palazzo.

 

2. I luoghi dei Queen e di Freddie Mercury a Londra: Playhouse Theatre

Andiamo avanti di 9 anni, alla primavera del 1986. I Queen pubblicano il singolo “A kind of magic“, estratto dall’album che porta il medesimo nome ed uno tra i più venduti dal gruppo britannico.

Il titolo è preso dalla frase pronunciata dall’attore Christopher Lambert in “Highlander” per descrivere la sua immortalità. I luoghi dei Queen e di Freddie Mercury a Londra: il Playhouse Theatre
Il video della canzone è stato girato all’interno del Playhouse Theatre di Londra, nella zona di Westminster a pochi passi dalle rive del Tamigi. Il teatro viene inquadrato all’inizio ed alla fine quando il “mago” Mercury (s)compare. All’epoca era in disuso ed a rischio di demolizione tanto che si ebbe qualche problema durante le riprese, specie per il freddo.

Solo l’anno successivo infatti l’edificio è stato ristrutturato e tutt’oggi è utilizzato per ospitare i musical. Da segnalare che nel filmato il chitarrista Brian May appare in una delle rarissime volte senza la sua red special.

Per ammirare il Playhouse Theatre dovete recarvi in Northumberland Avenue, a pochissimi metri dalla fermata della metropolitana Embankment (linee Bakerloo, Circle, District e Northern). In alternativa potete scendere nella vicina Charing Cross, sia stazione ferroviaria che metropolitana (linee Bakerloo e Northern).

 

3. I luoghi dei Queen e di Freddie Mercury a Londra: Pub Heaven

A metà strada tra Embankment e Charing Cross, in “The Arches“, una galleria in Villiers Street con una serie di negozi, si trova l’Heaven. È il locale gay più conosciuto di Londra e qui Freddie era un cliente abituale: pare che vi abbia conosciuto il suo compagno Jim Hutton, al quale poi ha lasciato in eredità una parte cospicua del patrimonio. Oggi il pub è più che mai in voga ed una volta a settimana viene organizzata una serata per eterosessuali. I luoghi dei Queen e di Freddie Mercury a Londra: il pub Heaven
Ci sono passato di pomeriggio ed era chiuso: una foto ricordo del portone è d’obbligo mentre mi immagino quando volte Freddie sia transitato proprio lì.

Per arrivarci scendete a Embankment (linee Bakerloo, Circle, District e Northern) ed uscite costeggiando l’edificio in direzione della stazione di Charing Cross. Cercate un arco con scritto “The Arches” ed una scalinata: scendete e vi ritroverete nella galleria, a questo punto non vi resta che scovare l’insegna del pub.

 

4. I luoghi dei Queen e di Freddie Mercury a Londra: Logan Place

Nel rivedere le fotografie scattate di fronte al muro di questa casa, che in realtà si scorge a fatica a causa della recinzione e del filo spinato, ho gli stessi brividi che ho avuto quando mi trovavo lì. Sì, perché Logan Place 1 non è un indirizzo qualsiasi: è la casa di Freddie Mercury. Qui il leader dei Queen ha vissuto diversi anni, al suo interno sono nate alcune tra le canzoni più conosciute della band, qui sono transitati chissà quante volte gli altri componenti May, Taylor e Deacon, qui infine il cantante è morto il 24 novembre 1991. I luoghi dei Queen e di Freddie Mercury a Londra: Logan Place 1
Per un fan dei Queen che si rispetti, venire a Logan Place equivale ad una sorta di pellegrinaggio: un omaggio dovuto a colui che con la sua musica ha fatto e continua a far sognare intere generazioni! Dare una sbirciata dentro è pressoché impossibile poiché tra alberi, muro e filo spinato non si vede niente. Ed allora non rimane che tornare indietro agli anni ’80-’90 ed immaginare le innumerevoli volte che i Queen si sono ritrovati qui, i party che sono stati celebrati, pensare a tutti i personaggi famosi che sono passati per lo stesso marciapiede dove ci si trova in questo momento.

È così che il luogo si anima agli occhi di chi lo osserva. Infatti all’esterno non c’è nessun indizio e, se non fosse per le immagini su internet, riconoscere la casa di Mercury sarebbe piuttosto complicato. Una volta non era così: fuori, il muro era diventato un murales, una parete-tributo variopinta su cui fans da tutto il mondo avevano lasciato un loro pensiero. Tuttavia, a partire dalla fine degli anni ’90 è stata fatta pulizia ed è stata applicata una particolare vernice che evita che le scritte aderiscano alla superficie. Una scelta che divide i fan ma che comunque va compresa dato che è una casa privata, anche se non si è sicuri di chi ci abiti adesso: Freddie Mercury l’aveva lasciata in eredità a Mary Austin, prima sua compagna e poi migliore amica fino alla fine dei suoi giorni.

Logan Place sorge in una tranquilla zona residenziale tra i quartieri Kensington e Chelsea e vi si giunge comodamente in metropolitana: fermata Earl’s Court (linee District e Piccadilly con uscita verso Earl’s Court Road, dal lato opposto rispetto all’Exhibition Centre di cui parlo al punto n. 1). Proseguite quindi sulla sinistra fino ad incrociare Cromwell Road, dopo prendete la prima traversa a sinistra e vi troverete in Logan Place: la casa del cantante è al civico n. 1.

 

5. I luoghi dei Queen e di Freddie Mercury a Londra: Dominion Theatre

Il Dominion Theatre di Londra è stato il teatro che per 12 anni ha ospitato il musical dei Queen We Will Rock You“. Lo primo spettacolo è andato in scena il 14 maggio 2002, mentre l’ultimo è stato il 31 maggio 2014: con questa durata è diventato il Musical più longevo del Dominion Theatre. L’opera è stata realizzata da Ben Elton in collaborazione con i due membri della band inglese May e Taylor (il bassista Deacon ha abbandonato la scena musicale negli anni successivi alla morte di Mercury). Lo spettacolo, diviso in 2 atti e con una storia ambientata nel futuro, contiene solamente brani dei Queen ed è stato prodotto anche in altri paesi, tra cui l’Italia (Milano, Trieste, Bologna, Roma e Latina).

La cosa interessante del Dominion Theatre è che, durante gli anni in cui ha ospitato il Musical, sopra l’ingresso era stata posta la statua di Freddie Mercury, un fac-simile di quella che si trova in Svizzera a Montreux. Così, chi usciva dalla vicina stazione della metropolitana la poteva scorgere ancor prima di arrivare in cima alla scalinata. Purtroppo, con la chiusura di “We Will Rock You“, oggi il monumento è stato smantellato e non si sa che fine abbia fatto. Tutto ciò l’ho scoperto proprio scrivendo questo articolo e mi ha lasciato un po’ di malinconia: in primo luogo perché, dopo tutto questo tempo, la statua di Freddie era diventata parte integrante del corredo urbanistico della zona ed ormai la gente si era abituata alla sua presenza; in secondo luogo perché vedendo le foto attuali la facciata del teatro è davvero vuota e dà un senso di tristezza. I luoghi dei Queen e Freddie Mercury a Londra: il Dominion TheatreIn ogni caso, se volete vedere il Dominion Theatre immaginandovi Freddie dall’alto che vi attende, basta scendere alla fermata Tottenham Court Road (linee Central e Northern).

Londra, data la sua storia e la sua cultura, da sempre è stata luogo fecondo di incontri tra persone che in un modo o nell’altro hanno realizzato qualcosa di importante e di indelebile. Per la storia del rock, ma direi della musica in generale, ciò è avvenuto per i Queen. Difficilmente Freddie Mercury, Brian May, Roger Taylor e John Deacon avrebbero potuto fare ciò che hanno fatto in qualsiasi altra città del mondo. Ed è una fortuna, anche a distanza di anni, poter vedere i luoghi dei Queen a Londra che li hanno resi celebri e, soprattutto, respirare un’aria particolare che fa vivere una specie di magia (“a kind of magic“).

Questo itinerario rappresenta una maniera alternativa per visitare Londra e scoprirne alcuni dei tanti angoli nascosti. Date le distanze, il mio suggerimento è di viaggiare in metropolitana per poter raggiungere in poco tempo le varie “location”. A tal proposito, l’Oyster Card e la London Travelcard vi saranno sicuramente utili per risparmiare sui vostri spostamenti.

Vi è tornata la voglia di Queen e Freddie Mercury? Potete allora acquistare la loro discografia completa su Amazon.

 

(Visited 16.661 times, 1 visits today)
Compra i biglietti per visitare Madrid​
I miei prossimi viaggi

- 9-22 giugno: Oban e Fort William --> #checkinScozia (rinviato ad ottobre)

- 8-18 luglio: Ötzal, Sölden, Wilder Kaiser e St Johann --> #checkinTirolo

- 30 ottobre - 3 novembre: viaggio di gruppo in Scozia tra Edimburgo e Highlands centrali