Select Page

Kaisertal e Ritzau Alm, escursione sui monti del Tirolo austriaco alle porte di Kufstein

Kaisertal e Ritzau Alm, escursione sui monti del Tirolo austriaco alle porte di Kufstein

I dintorni di Kufstein danno la possibilità di fare numerose attività all’aperto, sia d’estate che d’inverno. Da appassionato di camminate in montagna quale sono, ne ho approfittato per esplorare la valle del Kaisertal fino al rifugio Ritzau Alm.

L’escursione è stata stupenda, complice anche il meteo, ed ha occupato gran parte della giornata. Il Kaisertal è una valle del Tirolo austriaco situata tra i monti Zahmer e Wilder Kaiser e presenta itinerari adatti alle esigenze di tutti, camminatori più o meno esperti. Le mete più ambite sono la riserva naturale del Kaisergebirge ed il percorso dello Stripsenjoch, 23 chilometri che conducono a 1.580 m d’altezza.




 

Da Kufstein alla valle del Kaisertal

Punto di partenza è il Boutique Hotel Träumerei dove sono alloggiato e situato nel centro storico di Kufstein. Lo lascio alle mie spalle per dirigermi verso una zona residenziale e da lì verso l’impianto Liftstüber che porta al rifugio Brentenjoch Alm a 1.208 m d’altezza.

L’itinerario inizia ufficialmente dal parcheggio Sparchen per poi dirigersi immediatamente nella foresta che costeggia il fiume. Il primo tratto è caratterizzato dalla Kaisertalaufstieg, una salita composta da 280 scalini. Tra una sosta e l’altra – ammetto di essere un po’ fuori allenamento – ho la possibilità di godermi la vista di Kufstein e della sua Fortezza, maestosa anche da lontano.

La Kaisertalaufstieg nella valle del Kaisertal vicino a Kufstein, Austria La Kufstein Festung vista dalla Kaisertalaufstieg

Poco prima di uscire dal bosco vi è la possibilità di prendere la deviazione a destra verso la Tischofer Höhle ma vi suggerisco di tirare dritto ed andarci al ritorno (ve ne parlerò più avanti).

La strada prosegue fino al rifugio Pfandlhof ma attenzione poiché qualche metro prima vi è un bivio. Entrambe le vie portano al Ritzau Alm ma quella di sinistra – la più veloce – taglia per il bosco con un salita piuttosto impegnativa mentre quella di destra gira un po’ di più con un pendio più lieve. Seguendo il consiglio datomi dalla ragazza della reception del mio hotel decido di prendere proprio quest’ultimo.

In arrivo al rifugio Pfandlhof nella valle Kaisertal vicino a Kufstein - Austria, Tirolo

La scelta è azzeccata perché, nonostante allunghi il percorso, il sentiero è decisamente più panoramico.

Inoltre, lungo il tragitto costeggio diverse cascatelle ed un paio di cappelle tra cui la Antonius Kapelle, sicuramente uno dei punti più fotografati ed immortalati pure in diversi calendari con i paesaggi più suggestivi dell’Austria.

Cascatella lungo il sentiero nella valle del Kaisertal nel Tirolo austriaco Arrivo alla Antonius Kapelle nella Kaisertal, vicino a Kufstein in Austria (Tirolo) L'interno della Antonius Kapelle nella Kaisertal

 

Il Ritzau Alm

L’ultimo pezzo in salita costeggia un altro tratto di bosco e poi finalmente appare davanti a me la collina ai piedi del monte Zahmer Kaiser. Qui termina la mia camminata, volendo vi sono altri sentieri che portano in cima ai monti circostanti.

Collocato a 1.161 m d’altezza, il Ritzau Alm è una tappa obbligata per coloro che passano da queste parti. Infatti, è uno dei rifugi più famosi della zona grazie al binomio vincente ottimo cibo-panorama. La vista a 360° che si ha dalla terrazza è semplicemente splendida, una cartolina indimenticabile della mia giornata trascorsa sulle alture vicino a Kufstein. E che dire della cucina casalinga con prodotti locali. Io ho optato per lo strudel con salsa di mele… direi che la foto parla da sola! 😉

Il RIfugio Ritzau Alm nell valle del Kaisertal nel TIrolo austriaco Ritzau Alm, Kaisertal - Kufstein, Austria Croce nei pressi del Ritzau Alm nella valle del Kaisertal in Austria Ed in Tirolo non si può non mangiare lo Strudel! Cartolina dal Tirolo austriaco con mucche, rifugio di montagna e tanta natura

Il tempo necessario per recuperare le forze e mi rimetto in marcia, prima però mi fermo ad osservare da vicino le mucche che attraversano il sentiero. Dopo il tratto iniziale, la strada si immette nel bosco e lo attraverso fino a raggiungere il bivio all’altezza del rifugio Pfandlhof dove ero già transitato all’andata.

Col senno di poi, non ho rimpianto affatto la scelta fatta di prendere la strada più lunga. Difatti, già la discesa è stata particolarmente stancante, non oso immaginare come sarei riuscito a reggere la salita.

Passeggiata con vista della valle del Kaisertal in Austria

 

La Tischofer Höhle

Proseguo fino ad incontrare la deviazione per la Tischofer Höhle, una cava utilizzata come riparo a partire dall’età della pietra – 27.000/28.000 A.C. – e poi come rifugio e deposito armi da parte dei tirolesi insorti nel corso delle guerre napoleoniche.

Al suo interno sono stati ritrovati numerosi scheletri di persone ed oltre 300 di orsi delle caverne, resti di altri animali (renne, volpi e lupi), vari utensili in pietra, gioielli in bronzo e cocci di ceramica.

La Tischofer Höhle nella valle del Kaisertal nel Tirolo austriaco

Dalla grotta, immensa e suggestiva, la strada continua a scendere verso il fondovalle e mi conduce in un’altra zona davvero affascinante. Un ponte – con protezione presente su di un lato soltanto – attraversa il fiume che qui scorre piuttosto impetuoso insinuandosi nella gola circostante.

Una scalinata in legno mi riporta in alto e, dopo aver lanciato l’ultimo sguardo su questo piccolo canyon, seguo le indicazioni per la Liftstüber e quindi Kufstein.

Il ponte sospeso nella valle del Kaisertal in Austria Scorcio del "canyon" nella valle del Kaisertal nel TIrolo austriaco

A fine giornata la fatica si fa sentire sulle gambe ma la mente non può che ripensare alla bellezza ed ai colori dei panorami che mi hanno accompagnato in questa breve escursione nella valle Kaisertal. Una giornata che mi ha portato ad esplorare una parte dei dintorni di Kufstein e pertanto di farmi un’idea della ricchezza del territorio e delle alternative che offre ai suoi visitatori.

 

Alcune dritte per l’escursione nella Kaisertal

Per entrambe le tratte calcolate almeno un paio d’ore. Fatica a parte, la camminata non presenta particolari ostacoli di rilievo. Sia all’andata che al ritorno ho incrociato persone di età differenti, dai bambini fino agli anziani. Detto ciò, onde evitare responsabilità, vi lascio una serie di semplici consigli:

  • portare con voi una sufficiente scorta d’acqua e qualcosa da sgranocchiare;
  • avere gli indumenti adeguati in modo da esser pronti per qualsiasi evenienza visto che in montagna il meteo può cambiare velocemente;
  • rimanere sui sentieri tracciati e non allontanarsi da essi, attorno infatti vi sono i pascoli;
  • se siete con bambini teneteli sempre vicino a noi, specie nei punti “meno protetti” come ad esempio il ponte con la ringhiera presente solo in un lato;
  • tenere un’andatura regolare senza forzature, specie nei tratti dove la pendenza è più accentuata;
  • usare i bastoncini da montagna per aiutarvi nelle salite e/o discese maggiormente impegnative;
  • rispettare l’ambiente… e la montagna!

 




(Visited 344 times, 1 visits today)

Info Autore

Stefano, viaggiatore innamorato della Spagna, della Scozia e della Liguria. Se potesse si muoverebbe soltanto in aereo, non potendo allora cerca di camminare il più possibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Compra qui i biglietti e pass per visitare Madrid

Categorie

I miei prossimi viaggi

10-22 ottobre: Catalunya e Aragón –> #checkinCostaBrava e #checkinSaragozza

24 nov – 5 dic: Stirling, Loch Katrine, Falkirk e Edimburgo –> #checkinScozia

gennaio ’20: León e Ponferrada –> #checkinCyL

aprile ’20: Aberdeenshire –> #checkinScozia

 

Entra anche tu nel gruppo Facebook dedicato alla Scozia!

  • Capodanno a Edimburgo: vista dal Dugald Stewart Monument a Calton Hill

Entra anche tu nel gruppo Facebook dedicato alla Spagna

  • Que ver en Madrid: el Templo de Debod
error: Content is protected !!