Select Page

Nel cuore della New Town di Edimburgo: Dean Village e Stockbridge

Nel cuore della New Town di Edimburgo: Dean Village e Stockbridge


Nella parte ovest della New Town di Edimburgo, a circa 10-15 minuti a piedi da Princes Street, si trovano Dean Village e Stockbridge. Sono due angoli della città che, nonostante il loro fascino tutto da scoprire, spesso vengono dimenticati dai turisti che si “accontentano” della zona più turistica di Edimburgo. Dean Village e Stockbridge hanno alcune (belle) cose in comune.

 

Dean Village e Stockbridge: due villaggi nel cuore di Edimburgo

Per prima cosa, pur facendo parte della capitale scozzese, entrambi hanno preservato i loro tratti caratteristici che li rendono due villaggi a sé stanti. E ciò lo si nota chiaramente passeggiando per i viali eleganti di Stockbridge oppure lungo le sponde del Water of Leith a Dean Village. Si respira un’aria diversa, un’atmosfera particolare che fa sembrare Edimburgo un luogo lontano. Difatti, ciò che colpisce è il silenzio, pare quasi che non ci sia anima viva: in realtà è perché la gente è discreta, conduce la propria esistenza normalmente, non curante dei turisti di passaggio a cui probabilmente non fanno neppure caso. Questo non vuol dire che siano maleducati, anzi, tutt’altro!

Aiutano più che volentieri dando consigli ed indicazioni sugli itinerari da seguire, ben lieti di far conoscere una parte storica di Edimburgo che la maggior parte delle persone ignora, accontentandosi di vedere le cose più famose.

 

Dean Village e Stockbridge: un’oasi di pace nel centro di Edimburgo

Dean Village e Stockbridge trasmettono un grande senso di tranquillità. Vanno visitati con calma, passeggiando lentamente per ammirarne l’architettura tipica e per assistere con occhio discreto a spaccati della vita quotidiana degli abitanti. Princes Street ed il Castello di Edimburgo non sono così distanti, eppure camminare per dieci minuti dal cuore della New Town è sufficiente per staccare dal caos e dal rumore delle vie maggiormente trafficate. Qui il ritmo della vita è decisamente meno frenetico (specie se confrontato per esempio con Milano!) e non si vedono troppe macchine transitare. Inoltre, se come me capitate ad agosto per il Fringe Festival, un’escursione qui permette di riprendersi un po’ dalla confusione e dalla marea di persone che invadono la Royal Mile e le strade vicine.Dean Village e Stockbridge: il Water of Leith

Dean Village e Stockbridge: la passeggiata lungofiume

Inoltre, Dean Village e Stockbridge condividono scorci panoramici e sentieri che percorrono parte del Water of Leith. Il Leith è il fiume che attraversa alcuni dei quartieri di Edimburgo per poi sfociare nel Mare del Nord, vicino all’omonimo porto. Una volta anch’esso era un piccolo villaggio indipendente ed oggi è molto frequentato dai turisti perché nel molo Ocean Terminal è ormeggiato il Royal Yacht Britannia, il panfilo Reale usato dai sovrani britannici per le crociere. Tornando a parlare dei due villaggi nella New Town, è possibile seguire il corso del fiume attraversando delle zone pressochè incontaminate dove la vegetazione è talmente fitta che i raggi del sole fanno fatica a penetrare (mi sembrava di essere nel bosco!). Anche questo è un motivo per cui adoro Edimburgo: la presenza di tante aree verdi in pieno centro, come ad esempio Holyrood Park, oppure ai margini di esso come proprio il Water of Leith.

 

Dean Village e Stockbridge: cosa fare e vedere

Due passi a Dean Village

La zona di Dean Village si trova ad ovest di Princes Street e vi si arriva attraverso Queensferry Street deviando poi sulla sinistra in Bell’s Brae o Miller Row. Prima di scendere ed addentrarsi nel cuore del villaggio suggerisco di proseguire per alcune decine di metri sul Dean Path per avere uno primo scorcio dall’alto dei Dean Gardens e del Dean Cemetery. Dean Village e Stockbridge: il Dean Cemetery
Quest’ultimo merita una sosta: infatti, il cimitero risalente al 1846 è ben curato, con tanto di panchine all’interno, ed è caratteristico per via di alcuni suoi monumenti funerari. È un luogo in cui, nonostante le apparenze, è piacevole sostare poiché è molto frequentato dagli abitanti del quartiere. Come ho potuto capire durante il mio soggiorno, gli scozzesi hanno una concezione completamente differente dei cimiteri rispetto alla nostra: per loro sono come dei parchi pubblici, dove quindi girare e ritrovarsi liberamente (ho visto qualcuno fare anche un pic-nic).

Detto questo, siamo pur sempre in Scozia, la patria di fantasmi e dei misteri, e di certo questo luogo non poteva far eccezione. Infatti, tra le personalità illustri che qui sono sepolte, ad esempio Octavius Hill, figura di rilievo della storia della fotografia, c’è il generale Sir Hector Macdonald. Egli, soldato che guadagnò grande fama per merito della sua condotta eroica in Afghanistan, si tolse la vita nel 1903 per via di diverse accuse di atti omosessuali. Da questo fatto è nata una leggenda secondo la quale la sua tomba sarebbe vuota e quindi la morte sarebbe stata un escamotage per cambiare vita ed assumere l’identità del colonnello tedesco Von Mackensen.

Una volta presa la strada che conduce in basso (“Dean” vuol dire “profonda vallata”) si può perlustrare la zona e le sue palazzine storiche. In particolare, transitando sotto un arco si può entrare in Well Court, in un cortile interno condominiale dove, come una volta, al centro vengono ancora stesi i panni. Dean Village e Stockbridge: panorama dal Dean PathDean Village e Stockbridge: scorcio del villaggio di EdimburgoDean Village e Stockbridge: Well Court
In passato Dean Village era conosciuto per i mulini ad acqua, oggi purtroppo sono andati tutti perduti. Comunque si possono osservare il Dean Bridge, il ponte realizzato nel 1831 e le già citate Well Court, cioè le case per gli operai costruite nel 1884.

 

Alla scoperta di Stockbridge

Attraversando uno dei sentieri all’interno dei Dean Garden, magari quello nascosto tra gli alberi e che costeggia il Water of Leith, si arriva a Stockbridge. Come Dean Village, anche questo è un villaggio che tutt’oggi mantiene le sue peculiarità, nonostante venne integrato nella New Town di Edimburgo nel XIII° secolo. Dean Village e Stockbridge: scorcio del Water of LeithDean Village e Stockbridge: St. Bernand's WellDean Village e Stockbridge: ponte sul Water of Leith
Se vi siete giunti passeggiando sul lungofiume sicuramente avrete ammirato il St. Bernand’s Well, un “piccolo” tempio neoclassico del 1789 che all’interno conserva un pozzo. È un angolo coreografico da fotografare prima di proseguire! Sempre lungo il Water of Leith si osservano i Colonies, i tipici alloggi costruiti a cavallo tra ‘800 e ‘900 per le famiglie degli operai.

Passeggiare per le vie di Stockbridge significa mescolarsi con i suoi abitanti e dimenticare così per qualche ora di essere un turista. Infatti non se ne vedono molti poiché quelli diretti al Royal Botanic Garden (poco distante da qui) lo raggiungono con gli autobus che partono dal centro di Edimburgo.

Dean Village e Stockbridge: scorcio del villaggioDean Village e Stockbridge: casa lungo il Water of Leith

Dean Village e Stockbridge: Inverleith Park

Meta finale del mio itinerario tra Dean Village e Stockbridge sono i giardini di Inverleith Park. Questo parco pubblico, ennesimo polmone verde di una città che certamente sa valorizzare la natura, è posto nelle immediate vicinanze del giardino botanico. Al suo interno conta diversi campi di rugby, calcio e tennis. Non manca poi un laghetto e l’area è particolarmente apprezzata dagli abitanti per la vista che offre del centro città: in lontananza sono ben distinguibili gli edifici della Royal Mile ed il Castello, oltre che il Nelson Monument di Calton Hill e la collina di Arthur’s Seat. Dean Village e Stockbridge: Inverleith ParkDean Village e Stockbridge: scorcio di Edimburgo da Inverleith Park
Si conclude così la giornata trascorsa nella parte nord della New Town per visitare due zone, Dean Village e Stockbridge, che da sempre hanno rivendicato una propria storia e tradizione e che per tali motivi vanno esplorate. Vi si può arrivare comodamente in autobus oppure, se come me amate camminare e le distanze non vi intimoriscono, avete modo di fare una bella passeggiata da Princes Street con l’opportunità di vedere scorci sorprendenti e di conoscere aspetti differenti di Edimburgo, meno noti ma ugualmente affascinanti.

Siete mai stati a Dean Village e Stockbridge, vi sono piaciuti?




(Visited 5.059 times, 1 visits today)

Info Autore

Stefano, viaggiatore innamorato della Spagna, della Scozia e della Liguria. Se potesse si muoverebbe soltanto in aereo, non potendo allora cerca di camminare il più possibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Compra qui i biglietti e pass per visitare Madrid

Categorie

I miei prossimi viaggi

23 gen-2 feb: Burgos, Valladolid, Palencia e Madrid –> #checkinCyL e #checkinMadrid

8-15 aprile: Glasgow, Helensburgh, Bute –> #checkinScozia

 

6-18 giugno: Manchester, Carlisle e gli Scottish Borders –> #checkinScozia

 

Entra anche tu nel gruppo Facebook dedicato alla Scozia!

  • Capodanno a Edimburgo: vista dal Dugald Stewart Monument a Calton Hill

Entra anche tu nel gruppo Facebook dedicato alla Spagna

  • Que ver en Madrid: el Templo de Debod
error: Content is protected !!