Mangiare una buona Fideuà in centro a Palma di Maiorca: Ristorante Andana

Palma di Maiorca (isole Baleari), dove mangiare la paella e le specialità locali in centro città

Il viaggio a Maiorca è stata l’occasione ideale sia per visitare la capitale Palma che per provare alcuni dei piatti tipici dell’isola.

Essendo una meta molto turistica, l’offerta gastronomica è davvero ampia ed adatta ad ogni esigenza (anche economica). Nessun problema, fortunatamente, anche per chi come me è alla ricerca di locali caratteristici per assaggiare le specialità maiorchine.

Internet ed il confronto di moltissime recensioni mi sono stati d’aiuto e posso anticiparvi che la mia esperienza culinaria a Palma è stata ottima, oltre le più rosee aspettative. Dello stesso parere è stata mia madre, anche lei sorpresa piacevolmente sia dalla città che dalla qualità del cibo.

 

 

 

 

Palma di Maiorca: 3 ristoranti dove mangiare bene e tipico (compresa la paella)

I piatti tipici della Spagna si trovano anche qui ma, è bene specificarlo, non fanno propriamente parte della cultura maiorchina.

Il discorso è diverso per la paella e per la fideuà: nonostante la prima sia tipica di Valencia (ne parlo dettagliatamente in questo articolo) e la seconda invece sia la variante diffusa in Catalogna, entrambe comunque fanno parte della tradizione mediterranea e quindi le si possono mangiare anche a Maiorca.

Due dei locali di cui vi parlo nelle prossime righe si trovano nel centro storico di Palma, il terzo invece è ubicato nei pressi dell’Auditorium, ad un paio di Km ad ovest rispetto alla Cattedrale di Santa Maria.

Vi sono due elementi che accomunano i tre locali in cui siamo stati.

Il primo riguarda la gentilezza e la professionalità del personale, due doti che hanno garantito un servizio efficiente (nonostante la sala fosse piena) ed un’esperienza complessiva ancora migliore.

Il secondo invece è l’afflusso di persone, inaspettato (almeno per noi) dato che era fine novembre. Ecco perché suggerisco di prenotare il tavolo e lo potete fare facendo un passo nel ristorante in giornata – o anche prima se riuscite – oppure telefonando o tramite email.

 

 

 

1) Vermutería La Rosa

Per la prima cena a Palma abbiamo optato per questo ristorante situato nel cuore del centro storico, a pochi minuti a piedi da Plaça Mayor. Ciò nonostante, vi abbiamo trovato pochissimi turisti e tanta gente del posto.

Pur presentandoci poco dopo le 19, siamo stati informati che il locale era tutto esaurito ma l’addetto ha fatto in modo di ricavare due posti alla barra, ossia al bancone. Mia madre è rimasta sconcertata dalla sistemazione, a me invece è piaciuta perché in linea con le usanze spagnole di mangiare qualche tapas in un locale per poi assaggiarne altre in un bar diverso.

Vermutería Rosa – Casa de comidas” si propone l’obiettivo di tornare alle origini, cioè ad una cucina semplice basata esclusivamente sui prodotti di stagione e sui sapori genuini casalinghi.

Come specialità maiorchina ho provato la Coca de espinagada, una specie di “pizzetta” dall’impasto croccante a base di verdura, sardina affumicata e pomodori. A seguire invece un grande “classico”, la tortilla de patatas, accompagnata da una caña (bicchiere di birra).

Specialità dell'isola di Maiorca: le Cocas con verdure e pesce - Vermutería La Rosa, Palma
Coca espinagada – Vermutería La Rosa
Ristoranti non turistici in centro a Palma di Maiorca: Vermutería La Rosa
Tortillas de patatas – Vermutería La Rosa, Palma

Potete consultare il menù in spagnolo/inglese e prenotare il tavolo sul sito internet della Vermutería Rosa oppure seguire la relativa pagina Facebook.

 

 

 

2) Andana

Ci spostiamo adesso in Plaça d’Espanya, piazza d’accesso alla città vecchia di Palma e snodo principale del trasporto pubblico urbano ed extraurbano dato che vi si trovano diverse fermate d’autobus, compresa quella da/per l’aeroporto, la metropolitana e la stazione ferroviaria.

Il “Ristorante Andana” è stato ricavato all’interno dell’edificio dell’antica stazione dei treni, la prima di tutta l’isola ed entrata in funzione nel 1875. E, non a caso, Andana è il termine in catalano che significa binario (Andén in spagnolo).

La filosofia del locale è quella del “Km 0della gastronomia, con l’utilizzo dei prodotti del proprio orto per dare vita ad una cucina che intende interpretare i piatti della tradizione in una maniera innovativa.

La cena è iniziata con il simbolo della cucina maiorchina, ossia il “Pa amb oli”, che in realtà non è altro che una fetta di pane che può venire condita con vari ingredienti. Qui però è stata servita in tutt’altra maniera, ossia “al cucchiaio”, diventando quindi una zuppa fredda con pomodoro, formaggi di Minorca, finocchio marino e olive. Una bontà!

Pa amb oli: piatto tipico di Palma di Maiorca - Isole Baleari, Spagna
Pa amb oli “al cucchiaio” – Ristorante Andana, Palma di Maiorca

A seguire ho provato un altro tipo di Coca, questa volta guarnita con cipolle, peperoni, mozzarella e rosmarino. È stata poi la volta di un’altra specialità di Maiorca, cioè la Sobrassada, un salume a pasta morbida accompagnato con uova rotte e patatine fritte.

3 locali dove mangiare bene, tipico e a buon prezzo a Palma: Ristorante Andana
Coca con cipolle – Ristorante Andana, Plaça d’Espanya (Palma di Maiorca)
Prodotti tipici di Maiorca: salume Sobrassada su patate fritte e uova rotte
Sobrassada con uova rotte e patatine fritte – Ristorante Andana, Palma

Infine, e finalmente, la fideuà della casa, la versione catalana della paella che sostituisce il riso allo zafferano con i fideus, pasta corta simile agli spaghetti che viene cotta nel brodo di pesce.

Il menù in spagnolo o inglese è scaricabile direttamente dal sito internet di Andana e volendo potete anche seguire la pagina su Facebook.

Mangiare una buona Fideuà in centro a Palma di Maiorca: Ristorante Andana
Fideuà – Ristorante Andana, centro di Palma di Maiorca

 

 

 

3) Can Manolo

È stata la mia scelta per mangiare una paella come si deve e fortunatamente non sono rimasto deluso. Il locale è elegante, il servizio impeccabile ed il prezzo finale – più caro rispetto agli altri due – è giusto in considerazione della qualità del cibo e delle porzioni generose.

Non è decisamente un ristorante turistico e l’ho capito dal fatto che io e mia mamma eravamo gli unici stranieri, nonostante la posizione favorevole ad una decina di minuti a piedi dal lungomare di Palma.

Un’altra prova della bontà della paella è data dal tempo di attesa, ne sono richiesti infatti tra i 40-50 minuti circa e così è stato. Nel frattempo, come antipasto abbiamo ordinato le croquetas, un classico della cucina spagnola, in questo caso con ripieno di gamberetti e rana pescatrice.

Croquetas di pesce - Ristorante Can Manolo, vicino al lungomare di Palma
Croquetas di pesce – Ristorante Can Manolo, Palma di Maiorca

Piccola curiosità da sapere. Appena seduti a tavola ci è stato portato un piattino con delle olive e del pane. Il cameriere ci ha chiesto se le volessimo ma noi abbiamo rifiutato dato che volevamo le croquetas. In caso di risposta positiva, lo stuzzichino sarebbe stato addebitato sul conto. Ciò ce l’ha spiegato in maniera molta onesta lo stesso cameriere.

Tornando al pasto, o meglio alla paella, essa è stata servita nella classica padella ed il cameriere si è occupato di riempirci il piatto tutte le volte che lo desideravamo. Come accompagnamento non poteva mancare un bicchiere di sangria.

La foto lo lascia solo intendere ed io posso confermarlo… era deliziosa! 😛

3 locali caratteristici in centro a Palma di Maiorca: paella al Ristorante Can Manolo
Paella e sangria – Ristorante Can Manolo, Palma di Maiorca

A fine pasto ci è stato offerto un liquore della casa, non male ma ammetto di non essere un intenditore.

Anche in questo potete consultare il menù sul sito internet del Ristorante Can Manolo. Segnalo solo che i prezzi non sono aggiornati e difatti la paella mixta ciega costa 25 € a testa. Ripeto, ne vale la pena!

 

(Visited 36 times, 1 visits today)
Compra i biglietti per visitare Madrid​
I miei prossimi viaggi

- 9-22 giugno: Oban e Fort William --> #checkinScozia (rinviato ad ottobre)

- 8-18 luglio: Ötzal, Sölden, Wilder Kaiser e St Johann --> #checkinTirolo

- 30 ottobre - 3 novembre: viaggio di gruppo in Scozia tra Edimburgo e Highlands centrali