Il mio viaggio in Toscana alla scoperta di Siena e del suo Duomo

Viaggio in Toscana

Viaggio in Toscana alla scoperta della maremma

Il mio viaggio in Toscana è iniziato giovedì 22 Maggio e si è concluso lunedì 26: la città scelta per alloggiare e come punto di partenza per le escursioni giornaliere è stata Grosseto. Il capoluogo dell’omonima provincia è facilmente raggiungibile in treno, con collegamenti da nord (Torino e Milano) e da sud (via Roma). Nel mio caso ho preso l’intercity da Genova P. Principe ed in circa cinque ore di tragitto sono finalmente arrivato in Maremma. La stazione di Grosseto dista all’incirca 10-15 minuti a piedi dal centro storico, situato all’interno delle antiche mura. Nella piazza antistante la stazione ferroviaria c’è il terminal degli autobus Tiemme che oltre al servizio urbano collegano la città alle principali località della Maremma. La mia sistemazione è più o meno a metà strada tra la stazione ed il centro e perciò la posizione è decisamente vantaggiosa. Sto parlando dell’albergo San Lorenzo e ve lo consiglio davvero: ad un prezzo ottimo ho avuto una camera spaziosa con bagno privato, colazione a buffet e per tutti i gusti, noleggio gratuito della bicicletta; inoltre il personale della reception è socievole e ben disposto a dare informazioni e suggerimenti su dove andare e cosa mangiare di tipico.

Viaggio in Toscana con visita di Grosseto

Giovedì 22 maggio

Arrivo alla stazione di Grosseto verso le 15 del pomeriggio e tra una cosa e l’altra impiego circa mezz’ora per arrivare al mio albergo. Così, verso le 17 esco ad esplorare il centro storico della città. Come già anticipato qualche riga sopra, questo si sviluppa all’interno delle antiche mura lungo corso Giosuè Carducci, ricco di negozi di marca e locali, attraverso il quale si giunge in piazza Dante Alighieri, dove sorgono la Cattedrale di San Lorenzo e Palazzo Aldobrandeschi, anche noto come Palazzo della Provincia. Proseguo dritto in Via Ricasoli fino alle mura che delimitano il lato della città, decidendo così di tornare indietro costeggiandole per alcuni tratti. Fattasi ora di cena, decido di seguire le indicazioni datemi dalla gentilissima signora della reception e opto per la tipica Vineria da Romolo… Mai scelta fu più azzeccata!!

Con tavoli sia all’aperto che all’interno, scelgo di sedermi dentro e mi trovo così in una stanza arredata che poco ha a che fare con un ristorante classico e che non si può non apprezzare per la sua particolarità. Così come non passa inosservato il menù che presenta le varie portate in maniera ironica, intermezzate infatti da battute ed immagini umoristiche. Ma venendo al cibo, tutto rigorosamente toscano, ho provato un antipasto di crostini misti ed un tagliere di affettati e formaggi, quindi il primo piatto a base di mafalde: il tutto accompagnato da una birra maremmana artigianale. Che dire, tutto molto buono e senza aver speso tanto!!

Venerdì 23 maggio

La prima giornata intera del mio viaggio in Toscana decido di dedicarla alla visita del paese di Castiglione della Pescaia, località vicina a Grosseto e comodamente raggiungibile con l’autobus partendo dal piazzale di fronte alla stazione Fs: il tempo di percorrenza è mezz’ora circa.

Una volta giunto a destinazione, la prima cosa che balza agli occhi è il castello che sovrasta il centro storico medievale del paese; decido così di incamminarmi verso la cima del promontorio lasciandomi progressivamente alle spalle la parte più “moderna” per addentrarmi nel borgo antico. La camminata è piacevole, bisogna godersi tutti gli angoli caratteristici rimasti fissati lì nonostante il passare delle epoche storiche. Giunto in “vetta”, trovo una “porta” sul mare con tanto di panchine da cui poter godere il fantastico panorama che si apre dinnanzi a me. Mi rilasso per circa un’oretta prima di tornare giù. Il pomeriggio lo dedico al lungomare di Castiglione, grazie anche al fatto che il tempo è decisamente migliorato; inoltre la stagione balneare vera e propria non è ancora cominciata per cui la spiaggia è quasi deserta così come la stessa passeggiata. Verso le 17 mi dirigo alla fermata dell’autobus: un’ultima occhiata al castello e poi torno a Grosseto.

Il mio viaggio in Toscana alla scoperta di Castiglione della Pescaia

Sabato 24 maggio

Il mio viaggio in Toscana prosegue alla scoperta di Follonica, nota località balneare distante circa 25 minuti di treno da Grosseto.

Prima tappa è la visita alla città-fabbrica, cioè l’area conosciuta anche come “Ex Ilva“, dove si trovano gli stabilimenti inattivi dell’industria. Oggi sono rimasti gli edifici più importanti dell’epoca, alcuni dei quali sono stati pure restaurati. Una particolare menzione merita il Magma, il museo che racconta la storia dello stabilimento siderurgico. Terminata la parte storica della mia visita a Follonica, mi dirigo verso la spiaggia ed il lungomare. Nonostante la bella giornata di sole vale lo stesso discorso fatto per Castiglione della Pescaia: la stagione turistica ancora non è arrivata così posso passare la giornata in spiaggia in assoluta tranquillità. Prima di tornare verso la stazione ferroviaria, mi concedo una passeggiata nella pineta locale, situata circa a metà strada tra il mare e la stazione appunto, dove l’ombra mi concede una piacevole e fresca pausa dal sole di fine Maggio.

Domenica 25 maggio

Torno a spostarmi in autobus, sempre partendo dal piazzale della stazione di Grosseto, questa volta verso Siena, impiegando un’ora e un quarto. Ho preferito l’autobus al treno perché quest’ultimo ferma alla stazione senese però distante dal centro, mentre invece con il primo si raggiunge Piazza del Campo in circa quindici minuti di cammino.

Arrivato al capolinea degli autobus, la prima basilica che posso ammirare è quella di San Domenico, da dove si può intravvedere sullo sfondo torre Mangia e il campanile della Cattedrale. Cercando di godermi il più possibile le tipiche vie e traverse senesi, passando di contrada in contrada arrivo a Piazza del Campo, così famosa per la sua forma a conchiglia, dove sosto per alcuni minuti tentato di salire fino in cima alla torre del Mangia. Ancora indeciso nel frattempo mi dirigo alla Cattedrale, concedendomi poi una sosta per pranzare. Dopo aver girovagato senza meta nelle vie più piccoline attorno alla Piazza centrale, decido finalmente di salire in cima alla Torre (circa 400 scalini senza ascensore, prezzo 8€). Va detto che la salita non è per tutti, infatti c’è scritto chiaramente per quali categorie di persone tale visita è vietata, considerando anche gli spazi stretti che in certi punti non facilitano l’ascesa verso il campanile. Con un po’ di fiatone arrivo in cima, a 102 metri d’altezza, dove godo una vista mozzafiato sulla Piazza e su tutta Siena: il panorama vale senza discussione la cifra spesa! Tornato a terra non posso non comprare i tipici ricciarelli ed il panforte senesi; quindi vado al terminal degli autobus dove ad attendermi c’è già il mio che mi riporterà a casa.

Il mio viaggio in Toscana alla scoperta di Siena e del suo Duomo

Lunedì 26 maggio

Ultimo giorno del mio viaggio in Toscana poiché infatti il rientro a casa è prevista per la tarda serata, con partenza da Grosseto alle 16 del pomeriggio: ciò significa ancora la mattinata utile per girare di nuovo in centro e per le sue mura storiche, un tempo a disposizione più che sufficiente.

Volendo fare qualche considerazione finale, penso che Grosseto sia visitabile in uno-due giorni, a seconda di cosa vogliate vedere (ci sono anche i musei ma calcolando il mio tempo a disposizione ho rinunciato) e, soprattutto, ben si presta per escursioni giornaliere nei suoi dintorni. Ovviamente, specie una città come Siena, in un giorno soltanto non si può vedere tutto bene perciò bisogna scegliere su quali attrazioni puntare oppure fare un tour de force (in pratica come nel mio caso) per girarla il più possibile tuttavia tralasciando ad esempio eventuali musei. Mentre, per località come Castiglione o Follonica, una giornata può bastare. Dico questo considerando il fatto che le mie visite sono durate in media cinque-sei ore, con arrivo a destinazione non prima delle undici di mattina e ripartenza tra le quattro e le cinque del pomeriggio.

Per vedere la fotogallery completa potete collegarvi su facebook oppure su google+.

(Visited 323 times, 1 visits today)
Compra i biglietti per visitare Madrid​
I miei prossimi viaggi

- 9-22 giugno: Oban e Fort William --> #checkinScozia (rinviato ad ottobre)

- 8-18 luglio: Ötzal, Sölden, Wilder Kaiser e St Johann --> #checkinTirolo

- 30 ottobre - 3 novembre: viaggio di gruppo in Scozia tra Edimburgo e Highlands centrali