Itinerari e consigli per viaggi lenti

Obras expuestas

Madrid, i migliori musei da non perdere: informazioni su biglietti e tessere turistiche, prezzi ed orari per visitare il Prado, il Reina Sofía, il Thyssen-Bornemisza ed il Palazzo Reale

Tra le numerose cose da vedere a Madrid, i suoi musei meritano un capitolo a parte. Difatti, sebbene la capitale spagnola ne possa vantare addirittura una quarantina, quelli più famosi sono senza dubbio il museo del Prado, il Reina Sofía ed il Thyssen-Bornemisza, quelli cioè che formano il “triangolo d’oro madrileno“.

Per aiutarvi ad organizzare al meglio la vostra visita, di seguito vi parlerò proprio di questi tre luoghi fornendovi una serie di informazioni pratiche riguardanti ad esempio gli orari, le opere esposte più celebri, i prezzi dei biglietti, quando è possibile visitarli gratis, eventuali visite guidate in italiano (è il caso del museo del Prado) l’utilità e la convenienza della Card Paseo del Arte e del Pass Madrid.

Non si può poi non parlare del Palazzo Reale, sicuramente uno dei luoghi più visitati della città.

 

 

 

 

I musei di Madrid da vedere

Gran parte dell’itinerario si snoda nella zona soprannominata Paseo del arte – Passeggiata dell’arte – poiché vi si trovano i tre musei più importanti di Madrid. Le fermate della metropolitana più vicine sono:

  • Banco de España (L2) e Estación del Arte (L1) per il Prado;
  • Banco de España (L2) e Sevilla (L2) per il Thyssen-Bornemisza;
  • Estación del Arte (L1) e Lavapiés (L3) per il Reina Sofía.

 

 

Il Reina Sofía

Il suo nome completo è “Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia” e custodisce le opere d’arte moderna e contemporanea, partendo dall’inizio del ‘900 per arrivare ai giorni nostri. Non mancano inoltre mostre temporanee di respiro internazionale, allestite anche nel Palacio de Velázquez e nel Palacio de Cristal, entrambi all’interno del parco del Retiro.

Il museo, inaugurato dai Reali di Spagna l’11 settembre 1992, è ospitato in quello che nel ‘700 era un ospedale-convento. L’aspetto attuale lo si deve all’importante ristrutturazione avvenuta tra il 1980 ed il 1988.

Vi è una collezione di quadri di artisti quali Miró, Muñoz, Tàpies, Gargallo, Kandinsky, Magritte, Bacon, Dalí (il mio preferito in assoluto) e Picasso. È di quest’ultimo l’opera più significativa che si possa ammirare al Reina Sofía. Parlo infatti del celeberrimo Guernica, realizzato nel 1937 ed “ispirato” al bombardamento degli aerei tedeschi che rase al suolo la città basca. Il dipinto è esposto da solo in una sala, la quale è facilmente riconoscibile dato l’afflusso dei visitatori. Non è consentito scattare foto, con o senza flash.

 

Orari, prezzi dei biglietti

Il Reina Sofía dista una ventina di minuti a piedi dal parco del Retiro e, se viaggiate coi mezzi pubblici, oltre alla metropolitana potete utilizzare gli autobus urbani.

Per quanto riguarda gli orari di apertura, i due edifici principali aprono:

  • lunedì, mercoledì-sabato, dalle 10 alle 21;
  • domenica, dalle 10 alle 19.

 

Sono chiusi invece tutti i martedì ed in occasione di alcune festività: 1 e 6 gennaio, 1-2 e 15 maggio, 9 novembre, 24-25 e 31 dicembre. La domenica invece, l’accesso sarà gratuito a partire dalle 13:30 sebbene rimarranno aperte solamente alcune sole.

L’entrata generale costa 10€, acquistando il biglietto online in questa pagina si ha diritto all’ingresso salta-fila.

I due palazzi all’interno del Parque del Retiro sono aperti:

  • dalle 10 alle 22 (aprile-settembre);
  • dalle 10 alle 19 (ottobre)
  • dalle 10 alle 18 (novembre-marzo).

 

Chiudono l’1 ed il 6 gennaio, il 1° di maggio, 24-25 e 31 dicembre. L’accesso è libero.

Palacio de Cristal nel Parco del Retiro, sede di mostre temporanee del museo Reina Sofía di Madrid
Palacio de Cristal

A questo punto vi do una buona notizia e riguarda la possibilità di visitare il museo gratis. Difatti, si può entrare gratuitamente in alcuni orari e giorni dell’anno:

  • lunedì, mercoledì-sabato dalle 19 alle 21;
  • domenica, dalle 13:30 alle 19;
  • 18 maggio, 12 ottobre e 6 dicembre, dalle 10 alle 21.

 

 

 

Il Prado

Il museo del Prado di Madrid è una delle pinacoteche più importanti del mondo e conserva alcuni dei celebri dipinti di artisti del calibro di Rembrandt, Bosch, Rubens, El Greco, Velázquez, Goya e Tiziano.

Vi segnalo che sono disponibili delle visite guidate in italiano della durata di 1h 30m previste alle 9:45 ed alle 12 nelle giornate di lunedì, mercoledì, venerdì e sabato. Per tutte le informazioni aggiornate e per prenotazioni online vi rimando a questa pagina dedicata.

Affacciato sul Paseo del Prado, gli esterni valgono da soli il prezzo del biglietto. Fu Carlo III di Spagna a volere la realizzazione di questo edificio ed affidò il progetto all’architetto Juan de Villanueva, autore tra l’alto anche del giardino appena a lato. Ultimato agli inizi del XIX° secolo, purtroppo subì gli effetti delle guerre di indipendenza e finì per essere quasi distrutto del tutto. Si giunge così al 1818, anno in cui cominciano i lavori di restauro affidati questa volta all’architetto López Aguado, discepolo di Villanueva, deceduto da qualche anno. Diviene ufficialmente un museo l’anno successivo, quando vengono esposte per la prima volta una serie di capolavori della Collezione Reale Spagnola.

Oggi vanta oltre 6.000 opere, comprendenti sculture romane, rinascimentali, barocche ed ovviamente quadri rappresentanti la scuola spagnola (Goya, Ribera, El Greco, Murillo, Velázquez) quella italiana (Botticelli, Caravaggio, Correggio, Mantegna, Raffaello, Tiziano) ed infine olandese-fiamminga (Bosch, Rubens, van Dyck).

Entrata al museo del Prado di Madrid (Paseo del arte)
Museo del Prado

 

Informazioni pratiche per visitare il Prado

Il Prado è aperto dal lunedì al sabato dalle 10 alle 20 mentre la domenica ed i festivi dalle 10 alle 17. Rimane chiuso il 1° di gennaio, il 1° maggio ed il 25 dicembre; il 6 di gennaio, il 24 e 31 dicembre osserva un orario ridotto, dalle 10 alle 14.

I biglietti di ingresso che consentono di saltare la fila sono acquistabili in questa pagina.

Inoltre, l’accesso è gratuito dal lunedì al sabato, dalle 18 alle 20, la domenica ed i festivi, dalle 17 alle 19.

 

 

 

Il Thyssen-Bornemisza

Situato in Paseo del Prado 8, il museo Thyssen-Bornemisza di Madrid custodisce una vasta collezione di opere del Rinascimento italiano fino ai maggiori esponenti della pittura moderna ed è sede di rilevanti mostre temporanee.

La visita si svolge all’interno del Palacio de Villahermosa, risalente alla fine del XVIII° secolo e convertito in banca agli inizi del ‘900. Grazie al successivo intervento dell’architetto Rafael Moneo, l’edificio è divenuto così sede della prestigiosa raccolta privata del magnate tedesco Thyssen-Bornemisza. Nel 1993 è stato acquistato dal governo spagnolo mentre nel 2004 la moglie fece inserire la sua collezione di opere impressioniste e post-impressioniste in una nuova ala del palazzo.

Per far capire il grandissimo valore artistico-culturale di questa pinacoteca, al suo interno troverete capolavori di Van Gogh, El Greco, Correggio, Canaletto, Caravaggio e Tiziano.

 

Orari e biglietti per visitare il Thyssen-Bornemisza

La collezione permanente è visitabile tutti i giorni:

  • lunedì, dalle 12 alle 16;
  • dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 19.

 

Il 1° gennaio, il 1° marzo ed il 25 dicembre è chiuso, invece il 24 ed il 31 dicembre rimane aperto dalle 10 alle 15.

I biglietti d’ingresso sono acquistabili da casa, per quel che riguarda le tariffe:

  • generale, 13€
  • ridotta, 9€
  • gratis, minori di 18 anni.

 

Inoltre, segnalo che è possible visitare gratis il museo Thyssen tutti i lunedì, dalle 12 alle 16.

Paseo del Arte di Madrid: cosa vedere nel Museo Thyssen-Bornemisza
Museo Thyssen-Bornemisza

 

 

 

Il Palazzo Reale di Madrid

Parliamo ora di quella che è tra le attrazioni più visitate della capitale spagnola. Il Palacio Real è ancora oggi la residenza ufficiale della Famiglia Reale spagnola, sebbene in realtà i suoi membri vivano nel Palacio de la Zarzuela situato alle porte di Madrid.

L’edificio venne realizzato dove nel stesso luogo in cui sorgeva in precedenza l’Alcazar, fortezza voluta dall’emiro Mohamed I per proteggere Toledo dall’assalto dei cristiani. Dopo la Reconquista, la costruzione venne convertita in residenza fino a quando, nel 1734, un terribile incendio ne causò la distruzione. Dopo 26 anni di lavoro, nel 1764 il sovrano Carlo III fu il primo ad abitare il nuovo palazzo, realizzato ora unicamente in pietra e se possibile ancora più maestoso del precedente.

Non a caso, si tratta di una delle più grandi residenze di Stato del mondo.

 

Informazioni pratiche per visitare Palazzo Reale

Il palazzo sorge a pochi passi dal Teatro Real ed è facilmente raggiungibile a piedi da Plaza Mayor o Plaza de España. La fermata della metro più vicina è Ópera (linee rossa e verde).

Il Palazzo Reale è aperto dalle 10 alle 18, da ottobre a marzo, e dalle 10 alle 20 tra aprile e settembre. Per le tariffe:

  • Ingresso standard + mostra, 13€
  • ingresso ridotto (5-16 anni, over 65) + mostra, 7€
  • gratuito per i minori di 5 anni
  • ingresso solo per la mostra, 6€
  • audioguida (da pagare in aggiunta), 3€

 

Considerato l’enorme afflusso di turisti, il suggerimento è quello di acquistare i biglietti già da casa. In questo modo è possibile selezionare l’orario di visita più comodo ed avere l’ingresso salta fila.

Si può visitare gratis il Palazzo Reale il 18 di maggio ed il 12 ottobre così come da lunedì a giovedì, dalle 17 alle 19 (in estate) e dalle 16 alle 18 (in inverno).

I musei di Madrid da non perdere: il Palazzo Reale ed acquisto dei biglietti online con ingresso prioritario
Palazzo Reale visto dai giardini di Sabatini

 

 

 

Come visitare i musei di Madrid e risparmiare con le card turistiche

Se volete visitarli tutti e tre durante il vostro soggiorno madrileno allora il mio consiglio è quello di valutare l’acquisto di una tessera turistica che vi permetta di risparmiare rispetto ai singoli acquisti. Ve ne propongo un paio poiché, mentre una è rivolta esclusivamente ai musei, l’altra include ulteriori sconti per altre attrazioni ed attività. Entrambe sono tranquillamente acquistabili online prima di partire.

 

La Card Paseo del Arte

Grazie a questa tessera è possibile visitare il Prado, il Reina Sofía ed il Thyssen-Bornemisza usufruendo dell’accesso prioritario, ossia saltando la coda in biglietteria, e con un risparmio fino al 20% rispetto alle tariffe standard.

Una volta comprato, è sufficiente mostrare la Card Paseo del Arte sul proprio smartphone all’entrata di ogni museo. Il pass non l’include eventuali audioguide ed è valido un anno dalla data di acquisto.

—> Acquista qui la tessera Paseo del Arte

 

Il Pass Madrid

È la tessera adatta per chi prevede di visitare diverse attrazioni di Madrid ottenendo così sconti ed agevolazioni varie. Difatti, con l’acquisto del Madrid Pass si ottiene:

  • accesso prioritario al Palazzo Reale;
  • accesso prioritario al museo del Prado (con audioguida tramite app);
  • guida digitale della città su smartphone;
  • tour panoramico di Madrid in autobus.

 

I biglietti vengono inviate via email con tutte le informazioni per riscattarli.

—> Acquista qui il Madrid Pass

 

(Visited 6.884 times, 1 visits today)
Compra i biglietti per visitare Madrid​
I miei prossimi viaggi

- 9-22 giugno: Oban e Fort William --> #checkinScozia (rinviato ad ottobre)

- 8-18 luglio: Ötzal, Sölden, Wilder Kaiser e St Johann --> #checkinTirolo

- 30 ottobre - 3 novembre: viaggio di gruppo in Scozia tra Edimburgo e Highlands centrali