Select Page

Isole Cíes, itinerario di un giorno alla scoperta del Parco Nazionale nella ría di Vigo in Galizia

Isole Cíes, itinerario di un giorno alla scoperta del Parco Nazionale nella ría di Vigo in Galizia




Sono venuto in Galizia sperando di trovare un angolo di paradiso e fortunatamente posso dire di esserci riuscito nelle isole Cíes di Vigo. Si tratta di tre isole – Isla do Faro, Isla Norte o Monteagudo e Isla Sur o San Martiño – comprese nel Parque Nacional Marítimo-Terrestre de las Islas Atlánticas de Galicia a partire dal 2002. Trascorrere una giornata qui vuol dire vivere un’esperienza unica all’interno di un parco protetto con piante ed animali autoctoni, spiagge con sabbia finissima ed acqua cristallina, scogliere mozzafiato, sentieri per escursionisti che attraversano quasi tutta l’isola.

 

Come arrivare alle Isole Cíes da Vigo

Le Islas Cíes sono ubicate nella ría di Vigo e sono raggiungibili in traghetto, con una traversata di circa 30-40 minuti. Esistono diverse compagnie che effettuano questo servizio, io ho optato per Mar de Ons soprattutto per gli orari. Difatti, volendo stare sull’isola il più a lungo possibile, sono salpato dalla città galiziana alle 10:45 – prima corsa del giorno – per poi ripartire alle 19:15 con l’ultimo traghetto disponibile.

Essendo l’arcipelago una zona protetta, gli accessi quotidiani sono limitati e perciò vi suggerisco di comprare i biglietti su internet (16€ a/r) in anticipo. Ciò è valido specialmente per luglio-agosto, io vi sono stato a fine settembre e mi è bastato procurarmeli la settimana prima. Tramite il sito non riceverete però i biglietti veri e propri, questi li otterrete infatti in biglietteria fornendo i vostri dati d’acquisto (nome e codice prenotazione). La troverete nel porto di Vigo, nei pressi dell’ufficio del turismo.

I collegamenti con le isole Cíes sono attivi da fine marzo ad inizio ottobre e vengono effettuate più corse giornaliere, nove in alta stagione (luglio-agosto) e quattro negli altri mesi.

Traversata con Mar de Ons da Vigo verso le isole Cíes in Galizia

 

Cosa fare e vedere nelle isole Cíes

Il molo è vicino alla scenografica Playa de Rodas, giusto davanti al ristorante dotato di terrazza. Qui siamo all’incirca a metà dell’isola e, percorrendo la passerella in legno, si giunge all’incrocio da dove partono tutti i sentieri.

Di seguito vi propongo dunque l’itinerario che ho fatto e che mi ha permesso di girare buona parte dell’isola in totale tranquillità.

Approdo con Mar de Ons alle Islas Cíes a Vigo - Galizia, Spagna

 

Playa de Rodas

Non si può non cominciare dal gioiello delle Cíes, così stupenda da sembrare irreale. La Playa de Rodas è divenuta celebre nel 2007, quando il quotidiano The Guardian” la nominò la spiaggia più bella del mondo perché, oltre ad essere come quelle caraibiche, cioè con acqua turchese e sabbia bianca, è circondata da un ambiente altrettanto suggestivo. Difatti, la spiaggia unisce le isole del Faro e del Norte lasciando alle sue spalle una piccola laguna.

Appena arrivato, così come prima di partire, mi sono concesso una bella passeggiata a piedi nudi sulla spiaggia, incurante della temperatura dell’acqua un po’ bassa (era il 26 settembre!).

Panoramica della Playa de Rodas nelle isole Cíes di Vigo, SpagnaPlaya de Rodas nelle isole Cíes, votata come la spiaggia più bella del mondo

 

Isla del Faro

Il sentiero attraversa il lago Do Nenos per poi passare il camping, l’unica struttura ricettiva delle isole Cíes, comprendente una zona ristoro ed un piccolo supermercato. Trattandosi di un parco con accesso limitato credo sia obbligatorio prenotare il proprio posto in tenda (singola o doppia) in anticipo. In ogni suggerisco di informarsi sul sito del camping.

Il lago Do Nenos nelle isole Cíes in Galizia, Spagna

Dopodiché, i sentieri arancione e verde si dividono. Ho scelto il primo, diretto al Monte Faro, perché è il giro più famoso e consigliato. Il tratto iniziale lo si percorre nel bosco, potendo così apprezzare le prime sfumature autunnali degli alberi, mentre il tratto finale è un “zig-zag” ascensionale che conduce ai piedi del Faro de Cíes, a circa 300 m d’altezza.

La vista è incomparabile e la nebbia ha reso il tutto ancora più emozionante. Ho scrutato all’orizzonte le cime dei monti delle isole vicine e della costa galiziana affiorare dalla coltre grigiastra mentre, attorno a me, la nebbia di passaggio copriva e scopriva la costa ed il Faro da Porta, punto d’arrivo del sentiero verde e situato 200 m al di sotto.

Sulla via del ritorno, una breve deviazione porta a Pedra da Campá, belvedere naturale con “finestra” naturale scavata nella roccia e punto di avvistamento di uccelli.

L’intero sentiero è lungo 7,4 Km ed ha una durata complessiva di circa 2 ore e 30 minuti. Sugli opuscoli informativi gli viene assegnato una difficoltà media. Sinceramente non ho trovato nulla di particolarmente complicato, gli unici accorgimenti riguardano il tratto sotto al sole – con il clima estivo è preferibile evitare le ore più calde e la crema è d’obbligo – ed il fatto che il sentiero che segue la linea della costa e del monte non ha “protezioni”.

Il bosco che conduce in cima al Monte Faro nelle isole Cíes a Vigo - Galizia, SpagnaIn cammino sul sentiero verso il Faro de Cíes nelle isole della ría di VigoLa nebbia avvolge il paesaggio attorno alle isole Cíes. Scorcio dal Faro de Cíes sul Monte Faro.Il belvedere Pedra da Campá nelle isole Cíes in SpagnaScorcio delle isole Cíes e della spiaggia de Rodas dal Monte Faro




Isla Norte (o de Monteagudo)

Dopo la pausa pranzo (al sacco) sulla spiaggia Nosa Señora parto per esplorare l’altro versante delle Islas Cíes. Anche qui vi sono due itinerari che iniziano nello stesso punto per poi dividersi a metà.

Il primo, il più breve, è indicato con il colore blu e conduce al belvedere Alto do Príncipe, sul lato opposto rispetto alla Playa de Rodas. Purtroppo, causa nebbia, non ho visto praticamente nulla ad eccezione delle numerose rocce, alcune dalle forme davvero curiose, lì presenti.

Mirador Alto do Príncipe nelle Islas Cíes a Vigo - Galizia, Spagna

Questo percorso misura 3 Km (andata e ritorno) e complessivamente lo si compie in poco più di un’ora.

Tornato al bivio, proseguo lungo il sentiero rosso diretto al Faro de Peito. Dopo l’ennesimo tratto avvolto nella nebbia, questa sparisce giusto in tempo per il mio arrivo davanti al faro, o meglio faretto date le sue dimensioni ridotte, proteso sull’oceano. Sono da solo e pertanto posso godermi il paesaggio davanti ai miei occhi nella quiete del “silenzio” della natura. Sullo sperone roccioso al di sopra del faro vi è un altro punto di avvistamento uccelli.

Il percorso è lungo in totale 5,6 Km e lo si percorre in poco meno di 2 ore. Questo come l’altro diretto a Alto do Príncipe sono semplici e per gran parte si fanno all’ombra.

Il sentiero che conduce al Faro do Peito nelle islas Cíes di Vigo in Spagna Il Faro do Peito nelle isole Cíes a Vigo - Galizia, Spagna

Prima di raggiungere il molo faccio una sosta alla spiaggia di Figueiras, soprannominata Playa de los alemanes, oggi deserta ma molto frequentata dai nudisti durante l’alta stagione.

La spiaggia di Figueiras nelle isole Cíes, chiamata pure Playas de los Alemans, è quella prediletta dai nudisti

 

Visitare le isole Cíes: informazioni pratiche

Essendo uno spazio naturale protetto, le Islas Cíes sono soggette ad alcune norme ben precise:

  • sull’isola non è presente alcun bidone per la spazzatura, ciò significa che bisogna tenersela con sé e buttarla una volta rientrati a Vigo;
  • la fauna è autoctona e non va disturbata, altresì non è ammesso portare con sé animali ad eccezione dei cani guida;
  • è vietato “collezionare” conchiglie e raccogliere frutti e fiori locali;
  • le bici non sono ammesse e bisogna seguire i percorsi segnalati;
  • si può pernottare unicamente nel camping e non è consentito accendere fuochi.

A tutto ciò aggiungo soltanto un paio di osservazioni personali. La prima riguarda i servizi igienici: ne ho trovati lungo la strada all’inizio dei sentieri verde ed arancione, immagino poi che ve ne siano altri nei ristoranti. Con mia grande sorpresa, ho scoperto che anche qui è arrivato il segnale WiFi. La connessione è gratuita e copre bene tutta l’area attorno al molo, con parte della Playa de Rodas coperta.

Assicuratevi poi di avere con voi cibo, acqua e, specie a luglio-agosto, la crema solare. Infine, come già detto in precedenza, se decidete di visitare le Islas Cíes in alta stagione comprate i biglietti del traghetto in anticipo, onde evitare così spiacevoli sorprese.

Per godermi questa e tutte le altre escursioni del mio viaggio in Galizia mi sono affidato ancora una volta all’assicurazione sanitaria Traveller Generation di Europ Assistance riservata a chi ha meno di 35 anni. Include quattro formule, in modo da soddisfare le esigenze di tutti, e garantisce assistenza immediata grazie ad un team dedicato presente 24/24, anche su Facebook Messenger.

(Visited 38 times, 1 visits today)

Info Autore

Stefano, viaggiatore innamorato della Spagna, della Scozia e della Liguria.
Se potesse si muoverebbe soltanto in aereo, non potendo allora cerca di camminare il più possibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Blog affiliato con l’Ente del Turismo Britannico. Scoprite tutte le offerte qui sotto.

Compra qui i biglietti e pass per visitare Madrid

Categorie

I miei prossimi viaggi

30 novembre-4 dicembre ’17: mercatini di Natale in Tirolo –> #checkinTirolo

12-18 gennaio ’18: Madrid e provincia –> #checkinMadrid

10-16 aprile ’18: Glasgow e Inverness –> #checkinScozia

17-24 maggio ’18: Bilbao e San Sebastian –> #checkinPB

13-23 giugno ’18: Fife e Edimburgo –> #checkinScozia

Entra anche tu nel gruppo Facebook dedicato alla Scozia!

  • Capodanno a Edimburgo: vista dal Dugald Stewart Monument a Calton Hill

Entra anche tu nel gruppo Facebook dedicato alla Spagna

  • Que ver en Madrid: el Templo de Debod

error: Content is protected !!