Select Page

Lugo (Spagna), cosa vedere in un giorno nella città galiziana racchiusa tra le mura romane

Lugo (Spagna), cosa vedere in un giorno nella città galiziana racchiusa tra le mura romane

Situata nell’entroterra galiziano, Lugo è facilmente raggiungibile da Santiago di Compostela in macchina oppure in autobus. La città è famosa per le mura romane ancora in buono stato di conservazione, tanto che nel 2000 sono entrate a far parte della lista dei beni Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Date le sue dimensioni ridotte, Lugo si presta molto bene per una gita di un giorno.




 

Come arrivare a Lugo da Santiago di Compostela

Lugo dista un centinaio di Km da Santiago e, come detto all’inizio, potete raggiungerla con mezzo proprio oppure in autobus.

Nel mio caso mi sono affidato alla compagnia Freire, la stessa che copre la tratta aeroporto-centro città. Il bus parte dalla stazione degli autobus di Santiago ed effettua alcune fermate nei quartieri periferici, ad esempio San Lázaro oppure Palacio de Congresos, e pure all’aeroporto, di fronte al Terminal degli arrivi. Alloggiando presso l’elegante Hotel Eurostars San Lázaro, ubicato proprio nelle vicinanze del Palazzo dei Congressi, tale fermata mi ha permesso di guadagnare tempo dovendo evitare di raggiungere il centro città.

Fate attenzione poiché ho notato che nelle pensiline è indicata soltanto la linea verso l’aeroporto. Per questo motivo vi suggerisco di controllare orari e fermate sul sito della compagnia, dove volendo potete acquistare già i biglietti. Le fermate sono facilmente distinguibili per le strisce a zig-zag gialle a terra.

All’andata ho impiegato più di due ore perché sono state effettuate tante fermate, anche nei paesi più piccoli. Al ritorno invece è stata necessaria un’ora e mezza e senza alcuna sosta intermedia.

 

Cosa vedere a Lugo in un giorno

Lugo ha un’anima particolare che la distingue dalle altre località della regione. Infatti, mi è bastato poco per ritrovare elementi caratteristici della Galizia, ossia gli edifici in granito con le luminose vetrate bianche che mi avevano colpito fin dalla prima volta che le avevo viste. Qui però essi sono collocati in un centro storico di origine medievale racchiuso da mura romane risalenti al III-IV° secolo D.C. con dieci porte d’accesso alla città.

L’itinerario che vi propongo è stato fatto in relativamente poco tempo, dato che sono arrivato a Lugo alle 11:30 per poi ripartire alle 17. Punto di partenza è la stazione degli autobus, ubicata subito a sud delle mura. Si attraversano poi i giardini di Praza da Constitución e si passa la Puerta del Campo Castillo.

 

Praza Mayor e Concello de Lugo

Lugo, come gran parte delle città spagnole, ha la sua Plaza Mayorpraza è l’equivalente in galiziano – con i portici che possono circondare tutti i lati oppure soltanto alcuni. In questo caso la piazza è dominata da eleganti giardini sui quali si affaccia il Municipio, ricostruito nel 1735 secondo lo stile barocco civile locale a cui è stata aggiunta la loggia inferiore aperta di chiara ispirazione italiana.

Alle spalle dell’edificio sorge la Iglesia de Santa María, A Nova, divenuta ufficialmente parrocchia nel 1859 e costruita in due fasi: 1681-1688 e 1757-1764.

La Plaza Mayor di Lugo - Galizia, SpagnaIl Municipio di Lugo in Plaza MayorLa Iglesia di S. María A Nova di Lugo, Spagna

 

Cattedrale di Lugo

Attraverso tutta la piazza fino alla scalinata che mi conduce in Praza de Santa María, uno degli angoli che più ho adorato. La piazza è dominata dalla Catedral de Santa María de Lugo, edificio romanico la cui costruzione è iniziata nel 1129 per poi proseguire nei secoli successivi con l’aggiunta di elementi gotici, rinascimentali, barocchi fino alla facciata neoclassica del XVIII° secolo.

Difficile immortalarla in un unico scatto – possibile soltanto davanti all’edificio che ospita il Museo Diocesano – ma la cosa bella è che la torre del campanile è visibile da diversi punti del centro regalando così scorci parecchio interessanti. Consiglio di spendere un po’ di tempo per la visita all’interno, l’entrata è in Praza Pío XII.

La Cattedrale di S. María a Lugo - Galizia, SpagnaLa Cattedrale di Santa María di Lugo in SpagnaScorcio del centro medievale di Lugo e della Cattedrale

 

Praza do Campo

La Rúa Bispo Basulto sbuca in Praza do Campo, il cuore del centro medievale di Lugo.

In questa piazza porticata su cui si affacciano edifici del XVIII° secolo si trovano numerosi bar e ristoranti dove tapeare e degustare le specialità locali e regionali (il pulpo a la gallega è d’obbligo!) oltre all’ufficio turistico della città. Se volete godervi questo luogo in tranquillità vi suggerisco di andarci intorno alle 10-11 perché poi, a partire dalle 12, i turisti prima e gli abitanti poi iniziano ad affollare tutti i locali animando la piazza.

Praza do Campo, il cuore pulsante di Lugo (Spagna)

 

Le mura romane di Lugo

L’attrazione principale di Lugo è la cinta muraria costruita dai Romani nel III° secolo d.C per difendere l’allora Lucus Augusti. Oggi, la località galiziana è l’unica in Europa ad essere ancora completamente circondata da mura risalenti al periodo romano e per questo, il 2 dicembre 2000, l’Unesco ha deciso di inserirle tra i Patrimoni dell’Umanità.

La loro altezza varia tra i 10 e 15 m e si estendono per circa 2,5 Km, facendone un percorso particolarmente amato da appassionati di jogging e da tutti coloro che desiderano passeggiare su di un “monumento” storico. Tra quest’ultimi mi inserisco anch’io, iniziando il percorso dalla scala situata davanti alla Cattedrale. Il giro panoramico mi ha permesso di vedere Lugo dall’alto, individuando gli edifici più simbolici ma anche, purtroppo, altri in evidente stato di degrado. Ciò che ho apprezzato maggiormente è il contrasto dei differenti stili architettonici della città che si possono osservare durante la camminata: quello galiziano, con le classiche vetrate bianche, le mura romane ed infine i palazzi medievali del centro.

Scorcio delle mura romane di Lugo con sullo sfondo la Cattedrale di S. MaríaPanorama dalle mura romane di Lugo - Galizia, Spagna

Tra le 10 porte d’accesso alla città, quella più suggestiva è senza dubbia la Porta de Santiago ubicata di fronte alla Cattedrale. Si tratta di una delle poche che conservano tratti originali della costruzione romana, successivamente riformata nel 1759 con l’aggiunta della scultura dell’apostolo Giacomo a cavallo. Oggi qui transitano la maggior parte dei pellegrini che seguono il camino Primitivo verso Santiago.

Un’altra porta importante è la Porta Nova, usata ai tempi dei Romani per collegare le città di Lucus e Brigantium. Quella che si ammira oggi è il risultato della ricostruzione del 1900, resa necessaria poiché l’originale rischiava di crollare. Ai suoi piedi, sotto la teca di vetro, sono conservati alcuni resti delle fondamenta di una probabile seconda porta interna a quella principale romana.

La Porta di Santiago nei pressi della Cattedrale di Lugo in Spagna La Porta Nova lungo le mura romane di Lugo




Igrexa de San Froilán e Cuartel de San Fernando

Costeggiando le mura romane mi dirigo nella zona nord della cittadella medievale di Lugo. La prima tappa è la Igrexa de San Froilán, chiesa facente parte dell’antico Ospedale di S. Bartolomeo la cui costruzione è iniziata nel XVII° secolo mentre la facciata barocca è stata ultimata nel secolo seguente.

Sul lato opposto della strada sorge invece il Cuartel de San Fernando, centro di comando militare realizzato nel XVIII° secolo.

Cosa vedere a Lugo (Spagna): la Iglesia de San Froilán

 

Pazo de San Marcos e la Igrexa do Convento de San Domingos

Mi sposto poco più a sud per raggiungere Rúa San Marcos, dominata dal palazzo che ospita gli uffici della della provincia di Lugo. Nella piazza si può osservare un tratto dell’antico acquedotto romano costruito nel I° secolo d.C. e lungo 2 Km. In zona si trovano vari locali dove pranzare bene potendo approfittare di menù a prezzo fisso, ne ho visti anche a 9€… impensabile qui da noi!

A pochi passi da qui sorge la Igrexa do Convento de San Domingos, iniziata a costruire nel 1303 dopo che i frati domenicani si erano stabiliti in zona qualche anno prima. Attualmente il convento appartiene alle monache dell’ordine delle agostiniane recollette.

Pazo San Marcos a Lugo - Galizia, SpagnaLa Igrexa do Convento de San Domingos a Lugo, Spagna

 

Museo Provincial

Tappa finale della mia visita di Lugo è il Museo Provincial in Praza da Soidade, creato nel 1932 e dal 1957 situato in un edificio che conserva tracce dell’antico monastero francescano.

Il museo raccoglie beni del patrimonio culturale di Lugo e del resto della Galizia e li si può ammirare grazie ad una visita gratuita attraverso 28 ambienti tematici. Tra questi, solamente in tre è possibile scattare delle fotografie:

  • ricreazione di una tipica cucina galiziana del XVIII° secolo con caminate in pietra intagliata, utensili e mobili dell’epoca;
  • il chiostro, risalente ai secoli XV° e XVIII°, in cui sono esposti orologi a sole, epigrafi risalenti all’epoca romana e medievale, stemmi, capitelli, lapidi e sculture varie;
  • i resti di mosaici romani del III° secolo d.C. e la stele funeraria di Crecente dei secoli I-II d.C.

Oltre a ciò, potrete osservare una vasta collezione di pitture, orecchini, braccialetti, monete, medaglie, sculture ed altri oggetti realizzati in differenti epoche storiche.

L'edificio che ospita il Museo Provincial di Lugo in SpagnaIl chiostro del Museo Provincial di Lugo - Galizia, SpagnaI mosaici del Museo Provincial di Lugo in Spagna

Trascorro il tempo rimanente prima di fare ritorno alla stazione degli autobus girovagando per le vie del cuore medievale di Lugo alla ricerca di scorci da immortalare e facendo ancora due passi lungo le mura… d’altronde quando mi ricapiterà di camminare su di una costruzione millenaria? 🙂

Il mio giudizio su Lugo è complessivamente positivo poiché il suo centro storico è facile da visitare ed è in gran parte pedonale. Tra le cose viste, ho trovato interessante il Museo Provinciale perché attraverso l’arte ho potuto conoscere qualcosa di più della città così come della Galizia in generale, mi ha colpito la Cattedrale, sia fuori che dentro, ed infine le mura romane, il vero gioiello della località spagnola.




(Visited 37 times, 1 visits today)

Info Autore

Stefano, viaggiatore innamorato della Spagna, della Scozia e della Liguria.
Se potesse si muoverebbe soltanto in aereo, non potendo allora cerca di camminare il più possibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Blog affiliato con l’Ente del Turismo Britannico. Scoprite tutte le offerte qui sotto.

Compra qui i biglietti e pass per visitare Madrid

Categorie

I miei prossimi viaggi

30 novembre-4 dicembre ’17: mercatini di Natale in Tirolo –> #checkinTirolo

12-18 gennaio ’18: Madrid e provincia –> #checkinMadrid

10-16 aprile ’18: Glasgow e Inverness –> #checkinScozia

17-24 maggio ’18: Bilbao e San Sebastian –> #checkinPB

13-23 giugno ’18: Fife e Edimburgo –> #checkinScozia

Entra anche tu nel gruppo Facebook dedicato alla Scozia!

  • Capodanno a Edimburgo: vista dal Dugald Stewart Monument a Calton Hill

Entra anche tu nel gruppo Facebook dedicato alla Spagna

  • Que ver en Madrid: el Templo de Debod

error: Content is protected !!