Muoversi in tram in centro a Milano - Vacanza in Italia senza auto

Viaggio a Milano, informazioni sui collegamenti dal resto d’Italia e come esplorare il capoluogo lombardo coi mezzi pubblici

Capoluogo della Lombardia e seconda città italiana per numero di abitanti, Milano è senza dubbio un punto di riferimento a livello nazionale ed internazionale in vari settori come ad esempio moda, design, ricerca ed ovviamente turismo. Data la sua importanza, è un centro nevralgico per i collegamenti con le principali città italiane e mondiali.

In questo articolo vi spiego come raggiungere Milano dal resto d’Italia e successivamente vi fornisco qualche consiglio su come muoversi in città affidandosi alla rete dei trasporti pubblici.

 

Come arrivare a Milano 

La città è facilmente raggiungibile con ogni mezzo con vie di comunicazione che negli ultimi anni sono state protagoniste di importanti opere di ampliamento e rinnovamento che permettono perciò rapidi spostamenti sul territorio regionale e non solo.

 

In auto 

Milano è un nodo stradale fondamentale poiché vi si incrociano l’A4 Torino-Trieste, che taglia la Pianura Padana da ovest verso est, e l’A1 verso sud che passa per Bologna, Firenze, Roma e Napoli. A queste si aggiungono l’A7 per Genova e le Autostrade dei Laghi, ossia l’A8 per Varese e l’A9 per Como e la Svizzera.

Esse sono collegate tra loro ed il centro città tramite le tangenziali: Ovest (A50), Est (A51) e Nord (A52), per una lunghezza complessiva di circa 75 Km.

Personalmente sconsiglio l’uso dell’auto in centro perché gran parte di esso è a traffico limitato con divieto di circolazione per i mezzi più inquinanti e quelli che superano certe dimensioni. Conviene quindi lasciarla nei 22 parcheggi gestiti da ATMAzienda Trasporti Milanesi – ubicati nelle aree periferiche, nei pressi delle stazioni delle principali fermate della metropolitana e delle varie linee di superficie. Ad esempio, arrivando da Genova, esco sempre a Famagosta, facilmente raggiungibile appena dopo la fine dell’autostrada A7.

 

In autobus 

Milano è una delle città maggiormente servite da Flixbus, con quasi 400 tratte nazionali ed europee. Non sorprende quindi che in città vi siano addirittura 8 fermate.

Quella principale è la stazione degli autobus di Lampugnano, adiacente all’uscita della Linea M1 della metropolitana. Questo è inoltre il terminal di tutte le altre compagnie, italiane ed estere, che operano da e verso il capoluogo lombardo.

L’elenco completo delle fermate Flixbus a Milano è consultabile sul sito internet ufficiale.

 

In treno 

Sempre grazie alla sua posizione geografica strategica, Milano è uno snodo ferroviario vitale verso il resto d’Italia e l’Europa. Difatti, oltre ai treni regionali che raggiungono comunque anche destinazioni fuori dalla Lombardia come Genova, Torino e Verona, le linee d’alta velocità la collegano a Verona, Venezia, Torino, Bologna, Firenze, Roma, Napoli e Salerno. A queste si sommano altre tipologie di treni – intercity, freccia bianca ed argento ed eurocity – verso numerose città italiane ed estere.

La Stazione Centrale è la principale, seguono quelle di Porta Garibaldi e Rogoredo. Per maggiori informazioni vi rimando ai siti di Italo e Trenitalia.

Arrivi e partenze dalla Stazione Centrale di Milano - Lombardia (Italia del nord)
Stazione centrale di Milano

 

In aereo 

Milano è servita da tre aeroporti che complessivamente gestiscono una media di 44 milioni di passeggeri all’anno, garantendo quindi una vasta rete di collegamenti su scala mondiale.

 

Aeroporto di Malpensa

Esso sorge nel comune di Ferno, in provincia di Varese, a circa 50 Km dal centro di Milano. Esso consta di due terminal: il T1 è destinato alle rotte domestiche, internazionali ed intercontinentali; il T2 è solamente della low cost Easyjet ed è la sua base più grande in Europa.

Per arrivare in centro vi sono due possibilità. La prima è il treno Malpensa Express che collega entrambi i terminal alle stazioni di Cadorna, Porta Garibaldi e Centrale. Il trasferimento dura un’ora circa.

Io preferisco però i bus navetta che operano tra la Stazione Centrale e Malpensa (T1 e T2) con frequenze che variano tra i 20-30 minuti a seconda della fascia oraria. Il viaggio ha una durata di circa un’ora. I biglietti li compro in anticipo su internet, includono il bagaglio e sono validi per qualsiasi corsa della data prenotata. Tutti i dettagli sono reperibili sulla relativa pagina d’acquisto.

 

Aeroporto di Linate

Recentemente ristrutturata, l’aerostazione intitolata ad Enrico Forlanini dista approssimativamente 8 Km dal centro ed è destinata al traffico nazionale ed europeo coperto dalle compagnie di bandiera, in particolare con un occhio di riguardo alla clientela business. Personalmente vi ho volato alcune volte da/per Madrid (con Iberia), Londra (British Airways), Amsterdam (Klm) e Cagliari (Alitalia).

I bus della linea 73 collegano Duomo a Linate in circa 60 minuti. Il titolo di viaggio costa solo 2€ perché è una tratta urbana ordinaria con frequenza giornaliera di 10’.

Io però, arrivando a Milano in treno, ho sempre optato per il servizio shuttle dalla Stazione Centrale. In questo caso le corse partono ogni 30 minuti ed il trasferimento dura mezz’ora circa. Per tutte le informazioni relative al punto di partenza (ed arrivo), tariffe ed acquisto online vi rimando a questa pagina dedicata.

 

Aeroporto di Bergamo-Orio al Serio

Esso dista 50 Km da Milano e vi operano le compagnie low cost tra le quali Ryanair, che proprio qui ha aperto una delle sue basi europee più importanti.

Anche in questo caso sono operativi i bus navetta da/per la Stazione Centrale, le corse partono ogni 15-30’ ed il viaggio dura circa un’ora. Per risparmiare un po’ di tempo sono abituato ad acquistare i biglietti da casa, sicuro del fatto che essi sono validi per l’intera data indicata al momento della prenotazione. Maggiori informazioni a riguardo sono disponibili qui.

 

Come muoversi a Milano

Come anticipato in precedenza, considerato il traffico e le varie limitazioni vigenti, sconsiglio di usare la propria auto in centro. Inoltre, tutto sommato il centro non è così esteso e perciò lo si può girare in gran parte a piedi (ne parlo in questo articolo). Se si è stanchi oppure ci si vuole spingere nelle aree un po’ più “periferiche” (fornisco qualche suggerimento qui), i trasporti pubblici milanesi sono efficienti e distribuiti capillarmente sull’intero territorio.

Su strada sono in funzione alcune linee filoviarie, gli autobus urbani ed i tram. Questi ultimi sono un simbolo della storia del trasporto milanese e perciò, quelli di ultima generazione, sono affiancati dai modelli in funzione dal 1928-1930 sui quali è possibile viaggiare, ad esempio sulla linea 28.

Muoversi in tram in centro a Milano - Vacanza in Italia senza auto
A bordo di un tram storico

La metropolitana di Milano è il mezzo più comodo per spostarsi e per raggiungere i siti di maggiore interesse. Attualmente sono attive 4 linee – M1 (rossa), M2 (verde), M3 (gialla) e M5 (lilla). Entro il 2022 dovrebbe essere aperta una nuova, la M4 (blu), diretta all’aeroporto di Linate. Potete visualizzare la mappa con tutte le fermate a questo link.

Tra le fermate più “utili” dal punto di vista turistico segnalo Centrale FS (M2-M3), Garibaldi FS (M12-M5), San Babila (M1), Duomo (M1-M3), Montenapoleone (M3), Lanza (M2) e Conciliazione (M1).

Per quel che riguarda i biglietti, ve ne sono diversi ed utilizzabili sull’intera rete dei trasporti. Eccovi alcuni esempi con le relative tariffe e validità (aggiornate al giugno 2020):

  • singolo (90’), 2€
  • giornaliero (valido 24 ore dalla convalida), 7€
  • 3 giorni, 12€
  • carnet da 10 biglietti, 18€.

I titoli di viaggio sono acquistabili presso le rivendite autorizzate (bar, edicole, cartolerie e tabaccherie), gli ATM Point e le macchinette automatiche. Inoltre, chi viaggia in metropolitana può pagare con carte contactless (Mastercard, Visa, American Express, Maestro e VPay) direttamente ai tornelli.

Ulteriori modalità di trasporto sono rappresentate dal cosiddetto sharing, ossia un servizio innovativo – del cui uso Milano è capofila – che prevede l’utilizzo di un’auto, una bici oppure uno scooter che vanno poi parcheggiati in aree apposite dove potranno quindi essere “prese in prestito” da altre persone.

 

Il Milan Pass e gli autobus turistici

Vi segnalo la Milan Pass, una card turistica che comprende attrazioni e trasporti del capoluogo lombardo. Essa è valida 48 ore dal momento del ritiro e consente di viaggiare senza limite sui mezzi pubblici (metro, tram ed autobus) e, con un sovrapprezzo di 10€, di utilizzare le 4 linee dei bus turistici hop-on hop-off. I possessori hanno accesso gratuito a luoghi di interesse come ad esempio il Duomo e terrazze, il Teatro La Scala e museo, la Pinacoteca Ambrosiana, il Museo della Scienza e della Tecnologia, la Triennale di Milano e lo Stadio San Siro. Completano l’offerta una serie di sconti, la mappa di Milano ed una guida turistica cartacea.

Per tutte le informazioni, costi e luogo del ritiro vi rimando alla relativa pagina d’acquisto. La cancellazione è gratuita se effettuata fino alle 24 ore precedenti la data dell’attivazione.

Come menzionato poche righe sopra, i famosi bus panoramici hop-on hop-off attraversano la città lungo 4 itinerari, tutti con capolinea in Largo Cairoli, a due passi dal Castello Sforzesco. Essi partono ogni 45 minuti ed i tour completi durano 70-90’ a seconda del percorso. Una volta a bordo, i passeggeri hanno a disposizione il WiFi gratuito, l’audioguida multilingue ed ovviamente la possibilità di salire e scendere ogni volta che lo desiderano.

I biglietti hanno validità di 24-48-72 ore e sono acquistabili qui. Non è necessario stampare la ricevuta della prenotazione e la cancellazione è gratuita fino alle 24 prima della data del tour.

Visitare il Duomo e le altre attrazioni con il Milan Pass
Duomo di Milano
(Visited 19 times, 1 visits today)
Compra i biglietti per visitare Madrid​
I miei prossimi viaggi

- 9-22 giugno: Oban e Fort William --> #checkinScozia (rinviato ad ottobre)

- 8-18 luglio: Ötzal, Sölden, Wilder Kaiser e St Johann --> #checkinTirolo

- 30 ottobre - 3 novembre: viaggio di gruppo in Scozia tra Edimburgo e Highlands centrali