Itinerari e consigli per viaggi lenti

8 luoghi panoramici sul centro storico di Firenze: Piazzale Michelangelo

Dove vedere Firenze dall’alto, i migliori 8 punti panoramici nel centro storico e dintorni

Capitale mondiale dell’arte e della architettura e “culla del Rinascimento”: Firenze non ha certamente bisogno di presentazioni ed è una delle città più visitate al mondo. Per scoprire e vivere la sua grande bellezza si possono pianificare e seguire svariati itinerari tematici, legati ad esempio ad artisti del calibro di Giotto e Brunelleschi oppure a letterati quali Dante o Petrarca.

Nel mio caso, avendo avuto la fortuna di visitare il capoluogo toscano già in altre occasioni, ho deciso di “riscoprirlo” ammirandolo dall’alto raggiugendo una serie di belvederi disseminati sia nel centro storico che nei quartieri limitrofi.

 

 

 

Gli 8 punti panoramici su Firenze da non perdere

In questo caso, la conformazione del territorio mi è stata d’aiuto. Infatti, la città italiana si estende in un’ampia conca ad anfiteatro circondata dalle prime propaggini collinari dell’Appennino tosco-emiliano.

Ciò consente di poter contemplare lo skyline fiorentino da angolazioni diverse senza però mai perdere di vista i suoi edifici simbolo. Inoltre, trattandosi di una città dichiarata Patrimonio UNESCO dell’Umanità, non è consentita l’attuazione di interventi urbanistici che possano intaccare il suo fascino senza tempo.

L’elenco qui di seguito – ben lontano dall’essere definitivo – include 8 punti panoramici su Firenze di differente natura: monumenti, parchi, terrazze e chiese. Alcuni sono pure gratuiti.

 

 

1) Cupola di Brunelleschi

Non posso non cominciare che dal simbolo della città e del Rinascimento. Progettata dal Brunelleschi ed eretta tra il 1420-1436, è la più grande volta in muratura al mondo.

L’accesso è contingentato e va assolutamente prenotato in anticipo selezionando la fascia oraria desiderata. A tal proposito suggerisco l’acquisto del Pass valido 72 ore che consente di visitare tutti i monumenti di Piazza del Duomo. È una scelta che in alta stagione diventa obbligatoria dato l’enorme afflusso di turisti e, se ne avete la possibilità, optate per la mattina così da evitare parte della ressa.

La salita è impegnativa, tramite scalinata con 463 gradini, e per questo sconsigliata alle donne in gravidanza così come alle persone con difficoltà motorie, claustrofobiche, in sedia a rotelle e con problemi motori. Ma lo sforzo viene totalmente ripagato in primis dalla vista ravvicinata sul grande Giudizio Universale dipinto sulla volta interna, tra il 1572-1579, da Giorgio Vasari e Federico Zuccari.

Informazioni biglietto per accesso prioritario alla Cupola del Brunelleschi e Giudizio Universale
Affresco del Giudizio Universale sulla Cupola del Brunelleschi nel Duomo di Firenze

Dopodiché, una volta finalmente in cima si ha la città di Firenze ai propri piedi e si gode di un panorama a 360° che lascia letteralmente senza fiato. A maggior ragione se avete la fortuna di arrivarvi all’ora del tramonto!

8 punti panoramici a Firenze da non perdere: salita sulla Cupola del Brunelleschi nel Duomo
Panorama sulla città al tramonto dalla cima della Cupola del Brunelleschi

 

 

2) Campanile di Giotto

La Cattedrale di Santa Maria del Fiore si contraddistingue anche per avere la torre campanaria staccata dal corpo principale.

I lavori per la costruzione deI campanile risalgono al 1334 sulla base del progetto di Giotto, l’artista più importante dell’epoca, che tuttavia sarebbe morto di lì a tre anni. Questo capolavoro del gotico italiano viene ultimato nel 1359 con una sola modifica sostanziale rispetto al disegno originale: una terrazza panoramica al posto della guglia.

L’edificio, alto 85 m, offre uno splendido panorama su Firenze consentendo di ammirare da vicino la cupola del Duomo e, all’orizzonte, le basiliche di Santa Croce e Santa Maria Novella oltre a Palazzo Vecchio.

8 belvederi nel centro storico di Firenze: Campanile di Giotto e vista sulla Cupola del Duomo
Vista sulla cupola del Duomo dalla cima del Campanile di Giotto

La salita avviene per una scalinata di 414 gradini e vale lo stesso discorso fatto per l’accesso alla cupola del Brunelleschi. Vi sono però due differenze da tenere a mente:

  • non si può prenotare la fascia oraria della visita;
  • vi è un unico percorso in salita/discesa e perciò è facile dover sostare per consentire il passaggio delle altre persone.

 

Fortunatamente, le tre logge localizzate in altrettanti piani permettono di rifiatare e dare un’occhiata alla città da sempre più in alto. Inoltre, è possibile osservare da vicino le campane: delle dodici originali le cinque più antiche non vengono più utilizzate.

Il Campanile di Giotto è compreso nella tessera valida 72 ore che consente l’accesso a tutti i monumenti di Piazza del Duomo.

Informazioni e biglietto per salire sul Campanile di Giotto nella Piazza del Duomo di Firenze
Vista panoramica su Firenze dal Campanile di Giotto

 

 

3) Museo dell’Opera del Duomo

Alle spalle della Cattedrale di Santa Maria del Fiore sorge questo immenso spazio espositivo inaugurato nel 1891 e rinnovato nel 2015.

Le sue 28 sale testimoniano la storia di Firenze e l’eredità lasciata dai grandi artisti che nel corso dei secoli hanno lavorato al complesso monumentale di Piazza del Duomo. Qui si possono contemplare infatti le opere d’arte originali realizzate da Michelangelo, Donatello, Brunelleschi, Ghiberti e così via.

Cosa vedere nel Museo dell'Opera del Duomo di Firenze (e biglietti)
Visita del Museo dell’Opera del Duomo di Firenze

La Sala del Paradiso è senza dubbio lo spazio più suggestivo del museo perché contiene, una accanto all’altra, le tre porte di bronzo del Battistero: quella sud (del ‘300), quella nord (del ‘400) e la Porta del Paradiso, una delle opere più significative del Rinascimento.

Al terzo piano si trova una terrazza panoramica rivolta direttamente sulla cupola del Duomo e che permette di ammirarla da una prospettiva inedita.

Anche il Museo dell’Opera è accessibile gratuitamente per i possessori della tessera valida 72 ore (Cupola, Duomo e Campanile).

8 terrazze panoramiche da scoprire a Firenze: Museo dell'Opera del Duomo
Vista sulla Cupola del Brunelleschi dal terzo piano del Museo dell’Opera del Duomo

 

 

4) Bar della Rinascente

Abbandonata la Piazza del Duomo, il belvedere più vicino e relativamente poco conosciuto si trova in Piazza della Repubblica, per la precisione all’interno del centro commerciale “Rinascente”.

Raggiunto il quinto piano si accede al bar-ristorante ToscaNino, aperto tutti i giorni dalle 10 a mezzanotte. Esso occupa la splendida terrazza panoramica sui tetti di Firenze con vista privilegiata sul Duomo ed il Campanile di Giotto.

La consumazione non è obbligatoria ma se ci sono dei tavolini liberi vale la pena concedersi un aperitivo oppure una pausa sfiziosa. I prezzi sono più alti della media ma per un motivo chiaro e giustificato.

8 punti panoramici a Firenze: vista sul Duomo dal bar-ristorante della Rinascente
Terrazza panoramica sul Duomo di Firenze – Bar della Rinascente in Piazza della Repubblica

 

 

5) Giardino Bardini

È uno dei luoghi insoliti di Firenze, situato nella zona dell’Oltrarno e ancora relativamente poco frequentato sia dagli abitanti che soprattutto dai turisti. La sua visita è stata uno dei momenti più belli del mio soggiorno fiorentino.

La tenuta è stata di proprietà di varie famiglie nobili che, nel corso dei secoli, l’hanno ampliata e modificata per i propri scopi. Il Giardino Bardini odierno è composto da tre aree:

  • giardino all’italiana, con l’imponente scalinata barocca;
  • bosco in stile inglese;
  • parco agricolo, situato nel punto più elevato.

 

Dalla loggia del Belvedere – dove si trova un bar-ristorante nell’edificio Kaffehaus del sec. XVIII – si ha una vista impagabile sulla città e sulla vicina Abbazia di San Miniato al Monte.

Cosa vedere nell'Oltrarno: Giardino Bardini e belvedere su Firenze
Giardino di Villa Bardini e vista sul centro storico di Firenze

La primavera è sicuramente la stagione migliore per esplorare il giardino e, tra aprile e maggio, si può percorrere il suggestivo tunnel di glicine fiorito nei pressi del Belvedere.

L’ingresso è situato in via dei Bardi 1r, subito dopo aver attraversato il Ponte alle Grazie. Un secondo accesso si trova in Costa San Giorgio 2 e consente di raggiungere i Giardini di Boboli in circa 5 minuti a piedi. Segnalo infatti che esiste un biglietto giornaliero – costo di 10 € per adulti e 5 € ridotto (aprile 2023) – che comprende Bardini e Boboli.

 

 

6) Giardini di Boboli

Dopo aver trascorso un’ora abbondante a Bardini mi sono spostato nei vicini e ben più famosi giardini di Boboli.

La loro origine risale alla famiglia dei Medici, ideatori del giardino all’italiana che in seguito sarebbe stato preso a modello nelle corti europee più prestigiose. Successivamente, i Lorena ed i Savoia ampliano il parco fino a costeggiare le antiche mura cittadine.

Informazioni e biglietti per visitare il Museo di Palazzo Pitti ed i Giardini Boboli
Giardino Boboli – Zona Oltrarno di Firenze

Passeggiando tra le varie aree verdi si incontrano statue antiche e rinascimentali, fontane e grotte, autentiche opere d’arte che danno vita ad un museo a cielo aperto. Ad aggiungere ulteriore fascino ai Boboli vi sono le terrazze panoramiche rivolte su Firenze e Palazzo Pitti.

L’accesso combinato ai giardini di Villa Bardini e di Boboli non include la visita del museo di Palazzo Pitti (Galleria Palatina e Galleria d’Arte Moderna), per la quale è necessario il biglietto apposito acquistabile qui.

Dove ammirare Firenze dall'alto: Giardino Boboli
Vista su Palazzo Pitti e Firenze dal Giardino Boboli

 

 

 

7) Piazzale Michelangelo

È senza dubbio il punto panoramico più famoso e frequentato perché offre la cartolina di Firenze per eccellenza.

Situato sulla cima di un colle a sud rispetto al centro storico, Piazzale Michelangelo è stato ideato dall’architetto Giuseppe Poggi nel 1869, proprio nel periodo in cui la città è capitale d’Italia. La piazza è un omaggio a Michelangelo e per questo nel 1873 vi è stata posizionata una copia del David.

Replica del "David" al centro del Piazzale Michelangelo di Firenze
Primo piano del “David” di Piazzale Michelangelo

Oggi, gli abitanti ma soprattutto i turisti salgono quassù per godersi la vista migliore su Firenze ed i suoi luoghi simbolo: il Duomo, il Campanile di Giotto, Palazzo Vecchio, Santa Maria Novella, Santa Croce, l’Arno e Ponte Vecchio.

Piazzale Michelangelo è raggiungibile in vari modi:

 

Il momento più indicato per godersi il panorama è al tramonto che, tuttavia, corrisponde pure all’orario di massimo afflusso di turisti. Per evitare la ressa invece suggerisco la mattina.

8 luoghi panoramici sul centro storico di Firenze: Piazzale Michelangelo
Vista su Firenze dal Piazzale Michelangelo

 

 

8) Abbazia di San Miniato al Monte

Concludo l’articolo con questo splendido tempio religioso, distante circa 10 minuti a piedi da Piazzale Michelangelo.

Eretto tra i secoli XI-XIII, la facciata esterna ricorda per stile e colori quelle di Santa Maria Novella e Santa Croce. L’interno è in stile romanico e merita una visita per apprezzare il pavimento in marmo della navata centrale e la Cappella del Crocifisso del 1448, opera di Michelozzo.

Informazioni su cosa vedere nell'Abbazia di San Miniato al Monte a Firenze
Dettaglio della navata centrale dell’Abbazia di San Miniato al Monte

Il sagrato della Chiesa di San Miniato regala una meravigliosa vista panoramica su Firenze che si estende fino alle mura difensive.

Una parte di esse “protegge” oggi il cimitero monumentale delle Porte Sante, inaugurato nel 1854 e luogo di sepoltura di personaggi illustri del calibro di Carlo Lorenzini (Collodi, autore di Pinocchio), Giovanni Spadolini, Pietro Annigoni e Franco Zeffirelli.

8 luoghi dove osservare Firenze dall'alto: Chiesa di San Miniato e Cimitero monumentale
Vista su Firenze dal sagrato della Chiesa di San Miniato al monte (con annesso cimitero monumentale)

 

(Visited 76 times, 1 visits today)
Compra i biglietti per visitare Madrid​
I miei prossimi viaggi

- 9-22 giugno: Oban e Fort William --> #checkinScozia (rinviato ad ottobre)

- 8-18 luglio: Ötzal, Sölden, Wilder Kaiser e St Johann --> #checkinTirolo

- 30 ottobre - 3 novembre: viaggio di gruppo in Scozia tra Edimburgo e Highlands centrali