Mete ideali per una vacanza in montagna d'estate: Osttirol (Austria)

Tirolo dell’Est, le 5 escursioni estive da fare al confine tra Austria ed Italia (anche con bambini)

Il viaggio in Osttirol è stato caratterizzato dal bel tempo e ciò ha reso possibile l’organizzazione di una serie di trekking ad alta quota che mi hanno regalato splendidi scorci panoramici sulle Dolomiti, l’arco alpino al confine italo-austriaco e le cime innevate degli Alti Tauri.

Nelle prossime righe condivido con voi 5 itinerari che ho seguito, con la precisazione d’obbligo che quelli raccontati coprono soltanto una parte della fitta rete sentieristica locale. Nella maggior parte dei casi si tratta di camminate adatte anche a famiglie con bambini. Difatti ne ho incontrate parecchie, ovviamente serve una minima predisposizione nel compiere tali attività 😉

Gli impianti di risalita estivi dell’Osttirol sono inclusi nella tessera turistica Glockner-Dolomiten Card. Trovate tutte le informazioni in questa pagina dedicata.

Per alcune funivie è previsto un giorno di chiusura (riposo settimanale) oppure una pausa all’ora di pranzo. Gli orari possono cambiare da un anno all’altro, vi suggerisco quindi di controllare online oppure di chiedere al personale degli uffici turistici (a Sillian parlano anche in italiano).

Invece, grazie alla tessera degli ospiti che vi viene consegnata al momento del check-in in hotel potrete viaggiare gratuitamente sugli autobus che collegano le varie località della regione.

Prima di proseguire vale la pena ricordare che, indipendentemente dal grado di difficoltà, quando si fanno delle escursioni in montagna è bene:

  • controllare le previsioni del tempo e vestirsi adeguatamente, portando con sé k-way ed altro materiale waterproof anche quando non è prevista pioggia perché a queste altitudini il meteo può cambiare rapidamente;
  • avere nello zaino sempre una scorta sufficiente di acqua e cibo;
  • portare con sé i bastoncini, un valido aiuto sia per le salite che le discese.

 

 

 

 

 

1) Escursione ai 3 laghi ed al monte Thurntaler

Essendo alloggiato a Sillian, per la prima uscita sono rimasto in paese ed ho preso così la funivia Hochpustertaler Bergbahnen. La stazione a valle sorge appena fuori dal centro ed è raggiungibile a piedi in circa 10-15 minuti, in loco è comunque disponibile il parcheggio. Se avete la Dolomiten Card potete recarvi direttamente ai tornelli.

L’impianto copre un dislivello di circa 1.000 m dato che si parte da quota 1.098 e si giunge a 2.099 m di altezza. Vi è pure una stazione intermedia a 1.825 m di altitudine che ho utilizzato al ritorno, dopo aver fatto il primo tratto a piedi. Giunti in quota, nei pressi del Ristorante Gadein è stata allestita una piccola area giochi per bambini ed è posta inoltre la mappa coi sentieri.

Escursioni da fare in Osttirol anche con bambini piccoli - Impianti Sillian Hochpustertaler
Stazione a monte della funivia Hochpustertaler a Sillian – Osttirol, Austria

La gita più popolare, adatta anche ai bambini, è quella che conduce alla zona dei 3 laghetti, Drei seen in tedesco. Il sentiero da seguire è il n. 10; lungo il percorso le indicazioni sono sempre presenti.

Si procede su strada sterrata con ampi scorci panoramici sui rilievi montuosi che cingono l’Alta Val Pusteria. Dopo circa 45 minuti si sale a 2.207 m di altezza ed ecco apparire i tre laghi: Klammsee, Schafsee e Kuhsee.

Complice il periodo secco, li definirei “laghetti” ed uno dei tre è addirittura prosciugato. Ciò non toglie alla zona il fascino della natura e dei colori e dei riflessi sull’acqua, nonostante le nuvole basse di giornata. A farmi compagnia poche persone ma tante mucche al pascolo ed il campanaccio sarà il suono prevalente che farà da sottofondo alle mie escursioni nell’Osttirol.

Camminate semplici da fare in Austria: gita ai 3 laghetti da Sillian in Osttirol
Zona dei tre laghetti – Sillian, Osttirol

Dopo una breve sosta mi rimetto in marcia in direzione del Thurntaler che, coi suoi 2.407 m, é la montagna più importante del comprensorio. Nella stagione invernale è il punto di partenza delle piste da sci, in estate invece è un magnifico belvedere sulle Dolomiti e le Alpi Carniche.

Vi si può giungere seguendo il sentiero diretto, con pendenze maggiori, oppure seguendo la strada forestale che sale dolcemente lungo il pendio del monte. Dalla cima si può scendere a valle oppure, come nel mio caso, rientrare alla stazione della funivia percorrendo il medesimo sentiero.

Trekking al M.te Thurntaler da Sillian e vista panoramica sulle Dolomiti tra Italia e Austria
Panorama sulle Dolomiti nei pressi della cima del Monte Thurntaler – Sillian, Osttirol

Dal Ristorante Gadein al monte Thurntaler ho impiegato circa 1h 30m, una camminata bella e priva di difficoltà di rilievo.

La funivia Hochpustertaler Bergbahnen apre da luglio ad inizio settembre, dalle 9 alle 16:30. È chiusa di sabato e nei giorni di maltempo. Per consultare orari e tariffe aggiornate vi rimando a questa pagina.

 

 

 

 

 

2) Escursione al monte Golzentipp da Obertilliach

Con l’autobus della linea 965 da Sillian raggiungo il paese di Obertilliach in circa 30 minuti. La fermata più vicina alla funivia è Ort, indicata dallo schermo installato a bordo.

L’impianto di risalita copre un dislivello di circa 600 m, arrivando nei pressi del rifugio Conny Alm, a 2.070 m di quota. Tra i vari sentieri seguo fin dall’inizio quello diretto al monte Golzentipp che, coi suoi 2.317 m, è il rilievo più elevato dell’area.

Sentieri escursionistici in Osttirol (Austria): dal rifugio Conny Alm al M.te Golzentipp a Obertilliach
Escursione sul M.te Golzentipp dalla stazione a monte della funivia – Obertilliach, Osttirol

L’escursione non è per nulla impegnativa, la via principale procede infatti in leggera salita e nel primo tratto costeggia l’area giochi per bambini. Soltanto l’ultimissima parte prevede un’ascesa più pronunciata ma comunque priva di particolari criticità. Dalla stazione a monte ho impiegato circa 1 ora, approfittando di alcune scorciatoie che, staccandosi dal percorso principale, seguono il profilo del crinale con pendenze maggiori.

Una volta giunto ai piedi della croce, sulla vetta del Golzentipp, si apre una magnifica vista a 360° che spazia dalle Dolomiti al massiccio del Großglockner passando per la valle dell’Alta Pusteria e l’arco alpino al confine tra Austria ed Italia.

Escursioni più belle da fare in Osttirol: M.te Golzentipp a Obertilliach
Panorama sullo Spitzenstein dalla cima del M.te Golzentipp – Obertilliach, Osttirol

Per tornare alla funivia prendo la via più larga e così, giunto dinnanzi alle acque cristalline del lago Jochsee, seguo le indicazioni per il bacino artificiale Speicherteich.

La sdraio in legno sistemata su di una terrazza affacciata sullo specchio d’acqua invita ad un meritato momento di relax e non posso che approfittarne. Inoltre, le nuvole in cielo si diradano e così individuo ancora più facilmente la vetta imbiancata del Großglockner.

Relax su lago Speicherteiach - Funivia Golzentipp a Obertilliach (Osttirol)
Lago artificiale Speicherteich – Obertilliach, Tirolo dell’Est (Austria)

Mi rimetto quindi in cammino sull’ultimo tratto verso il rifugio Conny Alm, godendomi il la bellezza del paesaggio ulteriormente impreziosita dalla fioritura della genziana e dell’arnica (inizio estate) sui prati attorno a me.

Mete ideali per una vacanza in montagna d'estate: Osttirol (Austria)
Prati e fioriture lungo il sentiero nei pressi del Rif. Conny Alm – Obertilliach. Osttirol

La funivia Obertilliacher Bergbahnen apre tutti i giorni con bel tempo, da inizio giugno ad inizio ottobre, dalle 9 alle 12 e dalle 13 alle 16 (pausa pranzo di 1 ora). Ad agosto orario continuato dalle 9 alle 16:30. Potete controllare orari e prezzi aggiornati cliccando su questo link.

 

 

 

 

 

3) Trekking ai laghi Neualplseen da Lienz

Nonostante il maltempo, questa sarà la giornata peggiore dal punto di vista meteorologico, decido ugualmente di organizzare un’escursione sulle montagne attorno a Lienz, il capoluogo dell’Osttirol.

Ho preso il treno da Sillian – non incluso nella tessera ospiti – e quindi ho proseguito a piedi per circa 25 minuti. L’alternativa è prendere il bus n. 1 che dal piazzale della stazione impiega comunque un quarto d’ora circa.

Quello di Zettersfeld è uno dei due comprensori presenti in città – l’altro è l’Hochstein – e con il primo tratto in funivia porta a quota 1.812 m, zona di cottage e pascoli. Se si vogliono accorciare i tempi allora conviene continuare con la seggiovia fino alla cima Steinermandl (2.214 m), da dove parte il sentiero per la meta più popolare dell’area: i Neualplseen.

Sentiero dalla seggiovia Steinermandl ai laghi Neualplseen - Zettersfeld, Lienz (Osttirol)
Sentiero dalla seggiovia Steinermandl verso i laghi Neualplseen – Lienz, Osttirol

Dalla stazione a monte si prende il sentiero che sale gradualmente e, inerpicandosi poi tra le rocce, conduce ai piedi del monte Schleinitz. In questo ambiente a 2.438 m di altezza, che immagino in passato fosse occupato da un ghiacciaio, si sono formati una serie di laghi di svariate dimensioni, uno dei quali richiama la forma di un cuore.

Cosa fare a Lienz (Osttirol): escursione ai laghi Neualplseen
Uno dei laghi dell’area dei Neualplseen – Lienz, Austria

Nelle giornate di bel tempo, le cime delle montagne attorno si riflettono sulla superficie del gruppo lacustre Neualplseen. Purtroppo non è stato il mio caso, tuttavia, la pioggerellina e le nuvole basse mi hanno tramesso il fascino delle Highlands scozzesi e perciò sono rimasto ugualmente soddisfatto.

Gite sulle alture di Lienz (Osttirol): sentiero per i laghi Neualplseen
Uno dei laghi Neualplseen con sullo sfondo il M.te Schleinitz

Inoltre, sulla via del ritorno il meteo è migliorato e sprazzi di blu hanno “squarciato” il cielo, regalandomi così scorci migliori sulle Dolomiti di Lienz.

Dalla stazione della seggiovia ai laghi ho impiegato poco più di un’ora, camminando su di un sentiero in salita costante e fondo roccioso. Complice la pioggia, è stata l’escursione più “impegnativa” della prima parte del viaggio in Osttirol, precisando comunque che non è stato affatto nulla di proibitivo 😉 Orari e tariffe del comprensorio Zettersfeld sono consultabili qui.

 

 

 

 

 

4) Due passi lungo la Ciclabile della Drava

L’Osttirol non è solo montagna. Infatti, una delle attività più belle da fare per i turisti – comprese famiglie con bambini – è percorrere la Ciclabile della Drava. È possibile noleggiare le bici, e ripararle in caso di necessità, nelle varie località attraversate dalla pista.

Il fiume Drava – o Drau in tedesco – è un affluente del Danubio e nasce nel comune di San Candido, nei pressi del valico alpino corrispondente alla sella di Dobbiaco.

La pista ciclabile ha una lunghezza complessiva di 510 Km ed il percorso è suddiviso ovviamente in più tappe. La prima, da San Candido a Lienz, si snoda tra Italia ed Austria per circa 50 Km. Il percorso è aperto pure ai pedoni e quindi ne ho approfittato per fare due passi nel tardo pomeriggio tra Sillian e Strassen.

Superate le case di Sillian, sulla sinistra scorgo prima la stazione della funivia Hochpustertal Bergbahnen e, subito dopo, il colle su cui sorge lo scenografico castello Burg Heinfels, riaperto al pubblico dopo i lavori di restauro terminati nel 2020. La visita è gratuita per i possessori della Glockner-Dolomiten Card.

Informazioni pista ciclabile della Drava, da S. Candido a Lienz. Tappe e cosa vedere
Castello Burg Heinfels – Pista Ciclabile della Drava, Osttirol

Nel comune di Heinfels si trova poi un’attrazione di tutt’altro genere, che si costeggia proprio proseguendo sulla ciclabile della Drava. Mi riferisco alla stabilimento produttivo della Loacker. Al momento (luglio 2022) le visite sono sospese, tuttavia, in loco sono aperti il bar-caffetteria ed il negozio dove acquistare un’infinità di tipi diversi di wafer.

La mia passeggiata si conclude nei pressi dello Speicher Tassenbach, nel comune di Strassen (3,8 Km da Sillian). Questo bacino artificiale, attaccato alla centrale idroelettrica per il rifornimento della zona, accoglie inoltre un gran numero di specie animali e vegetali. Maggiori informazioni su questo habitat sono riportate sui pannelli informativi installati lungo il percorso perimetrale del lago.

Passeggiata lungolago sullo Speicher Tassenbach - Strassen, Osttirol (Austria)
Lago artificiale Speicher Tassenbach – Strassen, Osttirol

Per rientrare a Sillian ci sono tre possibilità:

  • a piedi;
  • in treno, dalla vicina stazione di Tassenbach;
  • in autobus (linea 961), in partenza dall’altro lato della strada rispetto alla stazione ferroviaria.

 

 

 

 

5) Trekking ad alta quota lungo il confine naturale tra Italia ed Austria

Nell’elenco delle escursioni da fare proprio non potevo non includere questa, nonostante non avvenga interamente nel territorio dell’Osttirol. D’altronde, la comodità di avere gli impianti di risalita “Tre Cime” a soli 10 Km di distanza mi ha convinto a sfruttare l’occasione…

Da Sillian prendo il treno che mi riporta in Alto Adige e scendo alla stazione di Versciaco. Una passerella sopraelevata collega l’edificio alla cassa ed alla funivia monte Elmo: partenza da quota 1.154 ed arrivo al Ristorante Monte Elmo, a 2.050 m.

Mi trovo nel cuore delle Dolomiti, un territorio dichiarato Patrimonio UNESCO dell’Umanità nel 2009 e meta prediletta degli appassionati di montagna di tutta Europa (e non solo). Sono numerosi i trekking da fare all’interno del comprensorio, anche perché volendo si possono utilizzare anche gli impianti di San Candido, Moso e Sesto.

Ho optato per il sentiero n. 20 e modificandolo a piacimento per creare un circuito prevedendo l’andata lungo la via “interna” più dolce ed il ritorno lungo il crinale panoramico con maggior pendenza. Dalla stazione a monte seguo le indicazioni per il rifugio Gallo Cedrone, incamminandomi sulla strada sterrata che sale fino a destinazione (2.200 m).

Trekking da fare partendo con la funivia Monte Elmo del comprensorio "3 cime" da Versciaco
Vista panoramica sulle Dolomiti dal Rifugio Gallo Cedrone – Funivia M.te Elmo da Versciaco

Dopo una pausa d’obbligo sulla terrazza panoramica affacciata sulle Dolomiti, mi rimetto in marcia lungo il sentiero su fondo ghiaioso che sale piuttosto dolcemente fino a sbucare sul crinale ad un’altezza di circa 2.300 m, nel punto di intersezione con il percorso diretto alla cima del monte Elmo.

Da qui in avanti mi immetto sull’Alta Via Carnica. Il tracciato diventa panoramico e bellissimo e regolarmente si passano dei cippi di confine tra Italia ed Austria. Basta mettere un piede un po’ più in là per cambiare nazione, un passaggio segnalato inesorabilmente dai messaggi sul cellulare.

Cippo al confine tra Italia e Austria sul crinale dell'Alta Via Carnica
Cippo di confine italo-austriaco sull’Alta Via Carnica

Prossima tappa è il Sillianer Hütte, rifugio posto ad un’altitudine di 2.447 m. Come suggerisce il nome, ci troviamo sulle alture di Sillian e difatti si può arrivare qui anche tramite il sentiero che parte dalla stazione ferroviaria del comune austriaco. L’ascesa dura circa 4 ore e, più o meno a metà camminata, si può sostare e pranzare presso la malga Leckfeldam.

Come raggiungere il rifugio Sillianer Hütte da Sillian oppure da Versciaco
Rifugio Sillianer Hütte – Osttirol, Austria

La meta successiva, nonché il punto più alto toccato nel trekking odierno, è la vetta del Monte Arnese-Hornischegg, a 2.550 m di quota. Uno splendido belvedere sulle Dolomiti, le Alpi dello Zillertal e le cime innevate del Großvenediger e Großglockner. Inoltre, posso osservare gran parte del sentiero fatto sino a quel momento ed individuare quello che mi condurrà sul Monte Elmo, facilmente riconoscibile per il rifugio eretto sulla cima.

Ascesa sulla cima del M.te Arnese-Hornischegg, tra Alto Adige e Tirolo
Vista panoramica dalla cima del Monte Arnese-Hornischegg

Rientrato al Sillianer Hütte, prima di proseguire faccio una deviazione di circa 50 minuti (tra andata e ritorno) prendendo la via che si snoda lungo il pendio in direzione della Heimkehrerkreuz, una croce posta nel 1948 come simbolo di pace e rivolta verso l’Alta Val Pusteria.

Sentiero da Sillianer Hütte alla croce Heimkehrerkreuz in Osttirol (Austria)
Vista panoramica su Sillian e l’Alta Val Pusteria dalla croce Heimkehrerkreuz

Tornato sul percorso principale, ai piedi del Sillianer Hütte, imbocco finalmente il sentiero che sale al Monte Elmo. Sulla sua cima, a 2.434 m, sorge ancora il rifugio costruito nel 1889 ma dismesso a partire dal 1980. Il progetto per la realizzazione di un nuovo edificio risulta essere avviato ma non ho idea di quando vedrà effettivamente la luce.

Apprezzata ancora una volta la magnifica vista a 360° è il momento di concludere il trekking. Per tornare alla funivia si può tornare indietro e scendere per la via seguita all’andata, oppure seguire il sentiero scosceso lungo il crinale per poi sbucare dalle parti del Rifugio Gallo Cedrone.

Sentiero panoramico n. 20 e cima del Monte Elmo con croce
Cima del Monte Elmo – Comprensorio “3 Cime”

L’escursione mi è piaciuta molto, senza dubbio una delle più belle di sempre. Non ha presentato eccessive difficoltà ma un buon allenamento è comunque richiesto perché complessivamente ho camminato per oltre 5 ore. Per quel che mi riguarda, i tratti più impegnativi sono stati l’ascesa al Monte Arnese-Hornischegg e la discesa dal Monte Elmo. Nel secondo caso, essendo stata fatta a fine giornata, probabilmente ho patito maggiormente a causa della fatica accumulata. Per farvi un’idea, cliccando su questo link potete vedere il percorso del ritorno, dal Monte Arnese-Hornischegg alla funivia del Monte Elmo. La traccia non include la deviazione alla croce Heimkehrerkreuz ma le indicazioni in loco sono sempre presenti e chiare, impossibile sbagliare.

Per conoscere gli orari, i prezzi aggiornati, la rete sentieristica, le attività ed i percorsi per famiglie con bambini suggerisco di consultare il sito internet del comprensorio Tre Cime-Drei Zinnen. Segnalo inoltre che comprando i biglietti online si risparmia rispetto all’acquisto in loco.

 

(Visited 39 times, 3 visits today)
Compra i biglietti per visitare Madrid​
I miei prossimi viaggi

- 9-22 giugno: Oban e Fort William --> #checkinScozia (rinviato ad ottobre)

- 8-18 luglio: Ötzal, Sölden, Wilder Kaiser e St Johann --> #checkinTirolo

- 30 ottobre - 3 novembre: viaggio di gruppo in Scozia tra Edimburgo e Highlands centrali